L'informazione della Diocesi di Roma

Il 5 novembre i Musei Civici aperti gratuitamente

Per tutti i residenti a Roma e nell’area della Città Metropolitana con molte iniziative per bambini e adulti e una grande varietà di mostre da visitare

Con la prima domenica del mese, il 5 novembre, tornano le aperture gratuite dei Musei Civici della città per tutti i residenti di Roma e nell’area della Città Metropolitana. Saranno tante le iniziative per bambini e adulti , senza considerare la grande varietà di mostre da visitare. Per l’occasione, il percorso di visita nell’area dei Fori imperiali sarà aperto al pubblico gratuitamente dalle 8.30 alle 16.30, con ultimo ingresso alle 15.30.
L’apertura straordinaria prevede l’ingresso alla Colonna di Traiano e, dopo il percorso con passerella attraverso i Fori di Traiano e di Cesare, la prosecuzione attraverso il breve camminamento nel Foro di Nerva che permette l’accesso al Foro Romano grazie alla passerella realizzata vicino alla Curia dalla Soprintendenza di Stato.

Tra le attività previste il “Progetto di educazione al patrimonio
in chiave interculturale” con laboratori, visite e passeggiate ai Mercati di Traiano alle 10.30. Alle 11, appuntamento con “Ci vediamo alle 11”, una visita guidata alla Galleria di Arte Moderna con uno storico dell’arte. Alle 11.30, al Museo napoleonico, “Incontri con gli scrittori”, Silvia Bencivelli parlerà del “Discorso sul tempo – La pendola di Urania”.

Le mostre gratuite saranno: “La bellezza
ritrovata”, nelle Sale Terrene del Palazzo dei Conservatori; “L’icona russa: preghiera e misericordia” a Palazzo Braschi; “’77 una storia di quarant’anni fa nei lavori di Tano D’Amico e Pablo Echaurren” e “Totò Genio” al Museo di Roma in Trastevere. Alla Centrale Montemartini spazio per “Freedom Manifesto”, una mostra sulla migrazione in fuga dalla guerra; “L’essenziale verità delle cose”, la mostra antologica su Francesco Trombadori alla Galleria d’Arte Moderna. E poi ancora la Casina delle Civette, il Museo delle Mura e il Macro, nelle sue sedi di Testaccio e via Nizza.

 

3 novembre 2017