L'informazione della Diocesi di Roma

A Testaccio, nell’ex Mattatoio, spazio all’«Altro Natale»

Negli spazi della Città dell’Altra Economia, sport, spettacoli e animazione per i più piccoli e, per i grandi, la proposta del Car Boot Market. Ferrante (Consorzio Città dell’Altra Economia): «Una risposta “altraeconomica” alla situazione in cui ci troviamo»

Un villaggio natalizio a misura di bambino, negli spazi della Città dell’Altra Economia e della Factory, all’ex Mattatoio di Testaccio. È l’«Altro Natale», con tante attività per i più piccoli, dal mondo dello sport a quello della letteratura, fino alle proposte per uno stile di vita sostenibili. Al centro del villaggio, i 600 metri quadri di Testaccio on Ice, la pista di pattinaggio su ghiaccio aperta tutti i giorni dalle 10 del mattino sino a tarda sera e affiancata da un Mercatino di Natale con lavori artigianali in ceramica, cuoio, abbigliamento fatto a mano per bambini e adulti, animali di stoffa e tante creazioni di bigiotteria ricavata da materiali riciclabili o più classici, come rame e argento

La domenica mattina, il villaggio riecheggia delle note di musica classica dal vivo proposte a bordo pista, con l’iniziativa a ingresso gratuito “Colazione con Mozart”, mentre con “Christmas Movies” spazio al cinema di Natale per bambini e ragazzi, con due spettacoli al giorno, alle 16 e alle 18, nella Sala convegni della Città dell’Altra Economia. Ancora, nello Spazio Factory, mostre permanenti per bambini e ragazzi, come “Ball – Non solo calcio”, con 80 fotografie a colori firmate Reuters per raccontare il colorato e inaspettato mondo della palla, e “Natura Viva”, con oltre 30 fotografie per dedicate ai Parchi del Lazio. E poi spettacoli e animazione, insieme allo spazio per il “Baratto del giocattolo”,  dove tutti i bambini possono portare i propri giocattoli e scambiarli con altri o donarli. Alla fine della manifestazione, fissata al 6 gennaio, i giocattoli raccolti saranno donati ad associazioni di solidarietà che operano a sostegno dell’infanzia.

Per gli adulti c’è la possibilità di degustare Le Birre di Natale (con 10 beer shop ed enoteche), e fare acquisti al Car Boot Market, il mercatino in cui gli oggetti inutilizzati e recuperati sono messi in vendita direttamente dal bagagliaio della propria auto, riprendendo lo stile dei “sales” inglesi. E per la ristorazione, tre bar e un ristorante appena premiato con la Stella Michelin per un’offerta di cibo bio ed equo e solidale. «È un modo per trascorrere le vacanze di Natale dando un significato diverso, più consapevole, anche educativo, al consumo e ai regali – dichiara l’assessore capitolino alla Scuola, infanzia, giovani e pari opportunità Alessandra Cattoi -. L’appuntamento alla Città dell’Altra Economia consente, quindi, alle bambine e ai bambini di imparare il valore di un regalo creato con le proprie mani con materiali di riciclo e di accrescere la loro coscienza ambientale e l’attenzione ai temi del riuso e della lotta agli sprechi».

«In questo particolare momento di sgretolamento del tessuto sociale colpito da una persistente crisi economica, impoverimento delle relazioni umane e fenomeni di corruzione sociale – dichiara il presidente del Consorzio Città dell’Altra Economia Andrea Ferrante – l’Altro Natale vuole essere una occasione di costruzione di relazioni e di rinascita di un legame solidale e sociale che rappresenta l’elemento fondativo di una risposta “altraeconomica” alla situazione in cui ci troviamo».

17 dicembre 201