L'informazione della Diocesi di Roma

Alla Gregoriana ripartono i Forum. Obiettivo puntato sull’Asia

Spazi di riflessione a cadenza settimanale, gratuiti e aperti a tutti, al via con un approfondimento su religioni e culture asiatiche

Spazi di riflessione a cadenza settimanale, gratuiti e aperti a tutti, al via con un approfondimento su religioni e culture asiatiche

Riprendono, alla Gregoriana, i Forum organizzati dal Centro studi interreligiosi della Pontificia Unviversità Gregoriana: spazi di riflessione a cadenza settimanale, gratuiti e aperti a tutti, della durata massima di un’ora e mezza, sotto forma di conferenze, tavole rotonde, testimonianze, film. L’obiettivo: favorire lo studio comparativo tra cristianesimo e islam o cristianesimo e religioni e culture asiatiche, attraverso il dibattito con il pubblico presente in aula.

Dedicati all’Asia i primi due appuntamenti del nuovo anno accademico. Lunedì 14 novembre alle 18 si parla di “Dio dell’incaranzione: la prospettiva Indù”, con Swāminī Haṃsānanda Giri, monaca induista e vicepresidente dell’Unione induista italiana. Lunedì 28 novembre sarà il Venerabile Lama Geshe Gedun Tharchin, formatosi al buddhismo tibetano presso il Collegio Jangtse dell’Università Monastica Gaden, in India, e attualmente insegnante presso l’Istituto di Cultura Buddhista a Roma, a presentare un concetto essenziale del buddhismo: “Dio e Vacuità (Śūnyatā)”. Modera gli incontri il gesuita indiano Bryan Lobo, vicedirettore del Centro studi interreligiosi della Gregoriana.

Fra le proposte formative offerte dal Centro ci sono anche alcune sessioni intensive concentrate nell’arco di una settimana, articolate in una forma flessibile che permette di creare percorsi di studio su misura e garantire maggiore libertà di partecipazione per gli utenti esterni, non essendo necessaria una immatricolazione presso la Segreteria generale. Per il 21 novembre è in programma la nuova sessione dell’indirizzo “Islam”, in lingua italiana, dedicata alle sfide morali, giuridiche e teologico-politiche che l’Islam pone alle società del XXI secolo. Operatori pastorali, docenti e formatori: sono anzitutto questi i destinatari di queste sessioni a numero chiuso, della durata di 30, che si sono svolte finora in forma di workshop, sotto la guida dell’equipe del Centro e dei relatori, i gesuiti Laurent Basanese e Samir Khalil, i quali hanno accompagnato individualmente ogni studente, in relazione alle specifiche esigenze formative.

Per informazioni: tel. 06.67015686, interreligious@unigre.it.

9 novembre 2016