Alla Gregoriana il primo congresso mondiale sugli abusi in internet

 

Confrontarsi, discutere, ma soprattutto «lanciare una serie di azioni nella lotta all’abuso sessuale di minori on line e per la loro protezione nel mondo digitale». Questo, nelle parole di padre Hans Zollner, presidente del Centro protezione minori della Gregoriana, l’obiettivo del primo congresso globale in programma dal 3 al 6 ottobre nell’ateneo di piazza della Pilotta. Il tema: “Child dignity in the digital world” (La dignità del minore nel mondo digitale). Al centro, problemi come sextortion, sexting, cyberbullying, grooming. Fenomeni che hanno come vittime soprattutto bambini e adolescenti. D’altronde, riflette il religioso, un quarto dei 3,2 miliardi di utenti di internet nel mondo sono minori.

I dati ufficiali parlano di oltre 800 milioni di giovani esposti al rischio di diventare vittima di adescamento sessuale in rete. «L’abuso sessuale sui minori – prosegue padre Zollner – esiste in tutte le società, culture e Paesi del mondo. È un male molto più diffuso di quanto si pensi. L’Unione europea – riferisce – ha lanciato qualche anno fa una iniziativa dal titolo “Uno su cinque”. Significa che un ragazzo o una ragazza su cinque, e cioè il 20% di tutti i ragazzi in Europa, è abusato e abusata sessualmente. Sono cifre orrende». In questo contesto, «internet, che è uno strumento di comunicazione meraviglioso, può diventare molto pericoloso aggiungendo pericolo al pericolo». Il presidente del Centro protezione dei minori dell’Università Gregoriana cita, come esempio, il fenomeno del sexting, «in cui cadono soprattutto le ragazze».  Ancora, «c’è il fenomeno di violenza sessuale su bambini anche molto piccoli che viene ripreso live in un Paese del mondo e visto in diretta e a pagamento da qualsiasi punto della terra». Proprio per questo, conclude Zollner, «abbiamo deciso di organizzare questa conferenza per mettere attorno allo stesso tavolo tutti i responsabili e capire come fare ciascuno e tutti insieme la propria parte».

29 settembre 2017

centro protezione minorigregorianahans zollnerla dignità del minore nel mondo digitale