Unicef: in Messico servono 4,6 milioni di dollari per aiutare i bambini

Mentre continua a fornire aiuti ai bambini colpiti dal terremoto dello scorso 7 settembre in Oaxaca e Chiapas, l’Unicef ha inviato degli esperti per valutare la situazione dei bambini nelle aree maggiormente colpite dal sisma del 19 settembre: Città del Messico, il Puebla e il Morelos. Le squadre Unicef valuteranno le necessità igieniche, sanitarie, il fabbisogno di acqua, ma anche le esigenze legate all’istruzione e alla protezione dell’infanzia.

«L’Unicef – dichiara il rappresentante in Messico Christian Skoog – sta supportando i bambini in Messico da molti anni ma, attualmente, il Paese e le organizzazioni come la nostra stanno affrontando una grande sfida. La nostra priorità in queste circostanze – prosegue – è quella di assicurare che i bambini e i giovani siano protetti e supportati, fisicamente e psicologicamente». Attualmente, per soddisfare i bisogni dei bambini colpiti dai due terremoti, secondo le stime Unicef sono necessari 4,6 milioni di dollari. Le donazioni possono essere effettuate direttamente sul sito nella sezione “Emergenza terremoto Messico”.

22 settembre 2017

christian skoogterremoto messicounicef