Vacanze sicure con i bambini

I consigli del pediatra su come affrontare al meglio il mare o la montagna. Le precauzioni, come prevenire il mal d’auto e cosa portare nella “piccola farmacia” da viaggio

Mare o montagna? L’importante è respirare aria pulita e condividere il proprio tempo libero con i figli; va bene la montagna che offre possibilità di escursioni con responsabilizzazioni crescenti, contatto con la natura, maggior riposo notturno e va bene anche il mare, che garantisce maggior libertà dai vestiti e tanta attività ludica. In caso villeggiassimo al mare o ci volessimo regalare dei giorni in piscina, prima che il bambino si faccia il bagno, fate trascorrere 3 ore dal pasto e sorvegliatelo sempre quando si trova a bordo vasca o sulla riva. Dall’età di 3 anni è consigliabile far frequentare a tutti i bambini un corso di nuoto. A proposito di mare e montagna: prestiamo massima attenzione durante gli spostamenti in auto verso le nostre mete. Non rinunciamo mai alla sicurezza: purtroppo, la maggior parte degli incidenti gravi è ancora oggi causata dal mancato utilizzo di seggiolini e cinture di sicurezza. Questi devono essere sempre utilizzati: senza alcuna eccezione.

Vanno osservate anche altre precauzioni. Cosa indossare, cosa mangiare e cosa bere, in che modo esporsi al sole e come difendersi dalle punture d’insetti sono questioni non certo secondarie: soprattutto se riguardano i più piccoli. Proprio loro, infatti, hanno maggiori difficoltà nel mantenere la temperatura costante, soffrendo di più sia il caldo che il freddo. Ecco perché è bene adeguare i vestiti secondo la temperatura della giornata. Va quindi ridotto l’apporto calorico, in particolare quello fornito dai grassi; è preferibile assumere carboidrati semplici a più rapida digeribilità. Indispensabile, poi, aumentare l’apporto idrico con assunzione di acqua, non dimenticandosi di consumare una maggior quantità di frutta e verdura. Per l’esposizione al sole, utilizzare sempre filtri solari, ad alta protezione, specie per i bambini più piccoli e per i soggetti con pelle chiara. Un altro pericolo è rappresentato dalle punture di insetti. In campagna e montagna, per evitare spiacevoli incontri con gli imenotteri (api, vespe, calabroni, ecc.) coprite maggiormente i bambini, utilizzando eventualmente gli appositi repellenti.

Prevenite i morsi di animale insegnando a vostro figlio a rispettarlo sempre: in ogni circostanza. L’animale non deve essere mai considerato un giocattolo. In caso di piccole ferite, è sufficiente detergere accuratamente; di fronte ad un taglio più profondo, per eventuale utilizzo di una terapia antibiotica è necessario consultare il medico. Controllate che le vaccinazioni antitetaniche del bambino siano in regola. Il morso di vipera è un’evenienza: qualora ci si rechi in zona a rischio, indossare scarpe, pantaloni e calzettoni alti e non smuovere i sassi con le mani dove possono nascondersi le vipere. Nel vademecum non possono mancare raccomandazioni da tenersi verso quando si ha a che fare con piante o loro parti (foglie, bacche, semi), che, se ingerite, possono essere tossiche o dare reazioni da contatto (ortiche, latte del fico, ecc.). In caso di ingestione, raccoglierne un campione con tutte le parti disponibili per facilitarne il riconoscimento e contattare un Centro Antiveleni o il Pronto Soccorso.

Anche il mal d’auto è senz’altro un fastidioso evento che può interessare i piccoli. Per prevenirlo cercate di attenervi ai seguenti consigli:

– Partite di buon ora, quando il bambino ha ancora sonno

– Abbiate una guida tranquilla senza forti accelerazioni e decelerazioni

– Fate fare al bambino un piccolo spuntino prima di partire e proponetene altri durante il viaggio,: assai indicati crackers o grissini, mentre vanno evitate bevande gassate

– Cercate di distrarlo, facendolo guardare in avanti. Evitate che legga o utilizzi video giochi

– Tenete fresco l’ambiente dell’auto

– Fermatevi ogni 2-3 ore e fategli fare qualche passo

– Nei viaggi più lunghi, su prescrizione del pediatra, potete utilizzare farmaci specifici per la prevenzione

Piccola Farmacia. Portate con voi solo i farmaci strettamente indispensabili e verificatene le scadenze prima di partire. Ecco cosa mettere nella vostra piccola farmacia:
– Se il bambino è affetto da patologie croniche, portate i farmaci in quantità sufficiente per tutta la vacanza

– Un antipiretico da somministrare per via orale

– Sali reidratanti, utili nelle gastroenteriti

– Un antistaminico in gocce per eventuali reazioni allergiche

– Una crema antistaminica per possibili punture d’insetto

– Un antisettico per uso topico per le piccole ferite

– Un prodotto a base di ammoniaca per le irritazioni causate dalle meduse

– I prodotti necessari per l’alimentazione di un lattante se non li trovate sul posto

– Le date delle vaccinazioni antitetaniche effettuate

– Il numero di un centro antiveleni

– La tessera sanitaria del bambino.

*Responsabile di Pediatria dell’Emergenza dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

19 giugno 2014