L'informazione della Diocesi di Roma

Arriva in Vaticano «…Chi banda non sbanda»

L’Orchestra Giovanile di Laureana di Borrello diretta dal maestro Maurizio Managò, nasce per contrastare le mafie. L’esibizione ai Musei il 25 settembre

L’Orchestra Giovanile di Laureana di Borrello diretta dal maestro Maurizio Managò, nasce per contrastare le mafie. L’esibizione ai Musei il 25 settembre

“…Chi banda non sbanda” è l’iniziativa legata all’Orchestra Giovanile di Laureana di Borrello diretta dal maestro Maurizio Managò, che il 25 settembre alle 20.30 terrà un concerto ai Musei vaticani nell’ambito delle aperture serali. Un progetto che nasce in Calabria per contrastare le mafie unendo ragazzi appartenenti a famiglie nemiche da anni, che però si sono ritrovati in comune lo stesso amore per la musica. Un evento che è stato possibile realizzare grazie al lavoro comune tra il Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, la direzione dei Musei Vaticani e il Comitato nazionale italiano musica.

«I ragazzi dell’orchestra Luareana di Borrello – spiega Lucio Fumo, presidente del Comitato nazionale italiano musica – sono molto emozionati di potere suonare in uno dei luoghi dedicati alla cultura e all’arte tra i più famosi al mondo. Credo che questa sia una grande opportunità per fare conoscere anche a livello internazionale questa meravigliosa esperienza che, attraverso la musica, cerca di costruire una nuova idea di comunità puntando su valori quali la solidarietà e l’amicizia».

E il programma della serata prevede un ampio repertorio con musiche di Verdi, de Haan, Astor Piazzolla, Grainger, Pusceddu, Piovani, Van McCoy e Zimmer. La storia di questa orchestra parte il 4 gennaio del 2009, dall’associazione culturale «Paolo Ragone», ottenendo subito premi in diversi concorsi nazionali ed internazionali. Inoltre ha avuto l’onore di accompagnare musicisti di fama internazionale da Gabriele Cassone a Steven Mead, da Francesco Salime a Gianluigi Trovesi.

Buona parte del merito di tutti questi successi va sicuramente all’impegno del maestro Managò, che ha fatto del progetto “Chi banda non sbanda” un impegno prioritario, organizzando stage con i massimi esponenti del panorama nazionale per relazionare sempre più i ragazzi con professionisti e con un pubblico sempre più numeroso.

I giovani musicisti hanno potuto collaborare anche con direttori d’orchestra di grande fama come Fulvio Creux, Angelo De Paola, Lorenzo Pusceddu, Michele Netti, Francisco Grau Vegara, Jan Van Der Roost e Riccardo Muti.

 

24 settembre 2015