Atac, un altro bus in fiamme a piazza Venezia

A dare l’allarme un ex carabiniere che insospettito dal fumo che si stava alzando nella parte posteriore dell’autobus (zona motore) ha subito avvertito l’autista dell’Atac

Dopo l’incendio del bus Atac 63 nella centralissima via del Tritone, ieri, 10 maggio, un altro episodio di “autocombustione” a bordo della linea 46. È successo tra piazza dell’Aracoeli e piazza Venezia. La vettura appartiene alla rimessa di Portonaccoio. La prontezza dell’autista, anche in questo caso, ha evitato il peggio. Con un estintore ha subito spento le fiamme che provenivano dal motore, posto nella parte posteriore della vettura. Secondo alcune indiscrezioni, il bus ha la stessa età di servizio di quello bruciato ed esploso in via del Tritone.

A dare l’allarme un ex carabiniere che insospettito dal fumo che si stava alzando nella parte posteriore dell’autobus (zona motore) ha subito avvertito l’autista dell’Atac che ha aperto le porte per far scendere i numerosi passeggeri che erano sul mezzo in un’ora di punta. Sul posto sono subito arrivati i mezzi dei vigili del fuoco e delle forze dell’ordine mentre una lunga colonna di fumo nero si è alzata sui palazzi di via del Tritone a poca distanza dalla Rinascente che è stata fatta evacuare per precauzione.

 

11 maggio 2018