L'informazione della Diocesi di Roma

Azione cattolica, presidenze diocesane a convegno

“Il tutto abbraccia la parte”: questo il tema sul quale si confrontano, dal 29 aprile al 1° maggio, 650 delegati provenienti dalle diocesi d’Italia

“Il tutto abbraccia la parte”: questo il tema sul quale si confrontano, dal 29 aprile al 1° maggio, 650 delegati provenienti dalle diocesi d’Italia

È in programma dal 29 aprile al 1° maggio il Convegno nazionale delle presidenze diocesane di Azione cattolica, alla Domus Pacis, in via di Torre Rossa 94. Attesi oltre 650 delegati provenienti dalle diocesi d’Italia, in rappresentanza degli oltri 300mila soci dell’associazione, presente in più di 7mila parrocchie italiane. “Il tutto abbraccia la parte. L’Azione cattolica nel cammino della Chiesa”: questo il tema dell’appuntamento, che si inserisce nella scia di riflessioni sull’Evangelii Gaudium, seguite al Convegno ecclesiale di Firenze, per rispondere alle sollecitazioni pastorali di Francesco.

Al centro del dibattito, il ruolo dell’Azione cattolica oggi, nella Chiesa e nel mondo, «come parte che si mette a disposizione del tutto e che vive per far vivere il tutto», spiegano dalla presidenza nazionale. Nello stile inaugurato a Firenze, attraverso un percorso “fieristico” di esperienze concrete e buone prassi cui seguiranno mini convegni tematici, si approfondiranno cinque ambiti in cui l’associazione è chiamata a vivere il suo servizio al prossimo: la scuola, il lavoro, il dialogo interreligioso, il dialogo intergenerazionale, l’ambito sociopolitico.

«L’intreccio di temi, idee, esperienze – si legge in una nota diffusa dall’associazione – intende valorizzare e riproporre l’invito di Papa Francesco a recuperare la dimensione dell’ascolto e della condivisione quale primo passo per realizzare in modo capillare la sinodalità della Chiesa. L’Ac, con il suo legame costitutivo con le Chiese locali – è la conclusione -, può offrire un contributo di grande rilievo a questo percorso.

Tra i relatori che prenderanno parte alle tre sezioni, il rettore dell’Almo Collegio Capranica Ermenegildo Manicardi, il compositore, pianista e direttore d’orchestra Umberto Scipione, Eraldo Affinati, scrittore e fondatore delal scuola “Penny Wirton” e il gesuita Giacomo Costa, direttore della rivista “Aggiornamenti sociali”. A tirare le fila, il presidente nazioanle di Ac Matteo Truffelli. Le celebrazioni eucaristiche invece sono affidate al vescovo Vito Angiuli, presidente della Commissione episcopale per il laicato, e all’assistente ecclesiastico generale dell’Azione cattolica, il vescovo Mansueto Bianchi.

27 aprile 2016