L'informazione della Diocesi di Roma

Calamità naturali, come contribuire a ridurne gli effetti

La campagna “Io non rischio” è stata pensata per sensibilizzare i cittadini sulle buone preatiche da adottare in caso di eventi natuali avversi

Torna il 14 ottobre, nelle piazze dei capoluoghi di provincia, “Io non rischio” per sensibilizzare i cittadini sulle buone pratiche da adottare in caso di calamità naturali. Per Romano Camassi, coordinatore dell’iniziativa, «è necessario un cambio di mentalità e di approccio culturale» per accrescere la sicurezza. Giunta al settimo anno, quella del 2017 sarà un’edizione speciale perché rispetto al passato si arricchisce di iniziative ed eventi legati alla conoscenza dei luoghi e dei rischi realmente presenti sul territorio.

La campagna “Io non rischio” è promossa dal Dipartimento della Protezione civile con Anpas – Associazione nazionale pubblicheassistenze, Ingv – Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia e Reluis – Rete dei laboratori universitari di ingegneria sismica ed è realizzata in accordo con Regioni e Comuni.

 

12 ottobre 2017