L'informazione della Diocesi di Roma

Contro la devianza, “abitare” i luoghi giovanili

Le proposte dell’associazione FuoriDellaPorta, guidata da don Giovanni Carpentieri: l’itinerario “DuePassInsieme” e, per gli insegnanti, il seminario “Tuttinclasse”

«È spaventosa la situazione di devianza che vivono molti adolescenti, talvolta nell’assordante silenzio degli adulti e delle istituzioni, anche le nostre. Figli allo sbando, figli di nessuno». Il vicario De Donatis lo ha detto lunedì 18 settembre, ai sacerdoti e agli operatori pastorali riuniti a San Giovanni in Laterano per la conclusione del Convegno diocesano dedicato proprio ai ragazzi. E ha poi ricordato il lavoro portato avanti da don Giovanni Carpentieri e dall’associazione FuoriDellaPorta onlus, che da anni operano nell’ambito del disagio giovanile e propongono corsi di formazione per affrontare le situazioni più difficili. Percorsi formativi diversi, pensati a seconda degli interlocutori a cui ci si rivolge: che siano sacerdoti, animatori di gruppi giovanili, insegnanti, famiglie.

Il primo a prendere il via, in questo anno pastorale appena iniziato, è “DuePassInsieme”, «un progetto di promozione umana e di primissima evangelizzazione – lo definisce don Carpentieri – che vuole superare i consueti confini dell’azione pastorale e rendere abituale questa “uscita”, come normali sono tante iniziative parrocchiali». Si tratta di una serie di incontri per imparare, quindi, ad “abitare” gli ambienti giovanili: quelli per preti, diaconi, religiosi e suore inizieranno venerdì 29 settembre nella sala terzo piano del Vicariato (i successivi il 6 e il 13 ottobre); quelli per i giovani di parrocchie, associazioni, movimenti e gruppi ecclesiali partiranno invece il 7 ottobre in via Bobbio 1 (linea Metro A, fermata Re di Roma).

Per gli insegnanti, invece, ecco il seminario “Tuttinclasse”, in programma lunedì 9 e lunedì 16 ottobre sempre nella sede di via Bobbio, nel quale saranno offerti strumenti di lavoro e simulazioni di gruppo da mettere in campo con i propri alunni, direttamente in classe. «I ragazzi necessitano di una continua vicinanza – sottolinea don Giovanni – e spesso i professori possono fare la differenza nei loro confronti, avviando quell’iniziale volano capace di invertire processi di marginalità e assai spesso di devianza che all’inizio sono quasi sempre invisibili».

Per informazioni e adesioni: tel.338.1863803, dongiovannicarpentieri@gmail.com.

26 settembre 2017