Dal Forum famiglie Lazio l’appello a un patto educativo per Roma

Dal Forum famiglie Lazio l’appello a un patto educativo per Roma

Condividi

La riflessione all’indomani dell’intervento di Francesco in apertura del Convegno ecclesiale diocesano. «La città ha bisogno di guardare al futuro e il futuro sono i nostri ragazzi»

L’invito a «una maggiore concretezza» e ad «avviare processi che consentano realmente alle famiglie di essere presenti nella vita dei propri figli». Per la presidente del Forum delle associazioni familiari del Lazio Emma Ciccarelli è questo il portato maggiore che deriva dal discorso con il quale Francesco ha aperto il convegno ecclesiale della diocesi di Roma ieri sera, 19 giugno, nella basilica lateranense. «Sappiamo che i problemi concreti che impediscono una maggiore presenza educativa sono tanti – rileva Ciccarelli -: da assenze dei genitori a causa del lavoro o per incapacità educative a una non adeguata offerta di servizi e iniziative per gli adolescenti; dalla solitudine delle famiglie alla carenza di reti familiari e amicali». Situazioni che sono aggravate «dai tempi di percorrenza della città, dai trasporti che non funzionano, da un’impossibilità di conciliare i tempi di famiglia con quelli lavorativi, da mancanza di proposte e  modelli educativi coerenti da parte del mondo degli adulti».

Il Santo Padre ha riconosciuto – «e ne siamo pienamente d’accordo» – che «la complessità della Capitale non ammette sintesi riduttive». Di qui l’invito a «un modo di pensare poliedrico, per cui ogni quartiere e zona trova eco nella diocesi e così la diocesi può farsi visibile, palpabile in ogni comunità ecclesiale, con il suo proprio modo di essere». Senza lasciare spazio all’uniformità. Non servono dunque dichiarazioni generiche, prosegue la presidente del Forum Lazio, ma «progetti calibrati per ogni quartiere e municipio. La Chiesa si interroga e si mette in gioco e questo è segno di forte vitalità e dinamismo. Vorremmo però rilanciare il tema a tutte le forze generative della nostra città, da quelle politiche a quelle culturali ed economiche: vorremmo che si potesse avviare un patto d’onore sull’educazione dei giovani e adolescenti con tutte le forze cittadine».

Roma, incalza Ciccarelli, «ha bisogno di guardare al futuro e il futuro in questo momento sono i nostri ragazzi, non vanno abbandonati né trascurati. Quello che non daremo loro in questo momento in termini di educazione e rispetto del bene comune rischiamo di trovarcelo tra 10-20 anni come problema sociale. I genitori ci chiedono sostegno e non possono essere lasciati soli in questo difficile compito». Il Forum  famiglie, assicura la presidente del Lazio, «è pronto a fare la sua parte».

20 giugno 2017