L'informazione della Diocesi di Roma

Dalla Tavola della Pace un appello «contro la rassegnazione»

Il 21 settembre la Giornata internazionale della pace indetta dall’Onu. L’invito a una «nuova e più ampia assunzione di responsabilità. Non c’è pace senza diritti»

“Insieme per la pace: rispetto, sicurezza e dignità per tutti”. Questo il tema della Giornata internazionale della pace indetta dall’Onu, che si celebra oggi, 21 settembre. Nell’occasione, dalla Tavola della Pace arriva un «nuovo appello all’impegno di ciascuno contro la rassegnazione, l’indifferenza e l’ipocrisia. Di fronte a quello che sta succedendo nel mondo – si legge nel testo – non bastano più le denunce: serve una nuova e più ampia assunzione di responsabilità. Non c’è pace senza diritti. Non ci sono diritti senza responsabilità. Responsabilità contro l’indifferenza. Responsabilità contro l’ipocrisia. Responsabilità contro la rassegnazione».

«Trump vuole trascinarci in guerra. Noi andremo dalla parte opposta».

A spiegarne il senso, è il coordinatore della Tavola Flavio Lotti. «In un tempo segnato da tanto orrore e dall’arbitrio dei più forti – afferma -, dobbiamo riprendere in mano la bussola dei diritti umani e riaffermare con forza quanto sta scritto nella Carta comune dell’umanità: “Tutti gli esseri umani nascono liberi e uguali in dignità e diritti e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza”. Con questo spirito – continua – invitiamo tutti a sottoscrivere l’appello “In spirito di fratellanza” e ad aderire al Comitato nazionale per il 70° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump vuole trascinarci in guerra. Noi andremo dalla parte opposta».

L’obiettivo dell’iniziativa, aggiunge Lotti, è «promuovere insieme a tutte le donne e gli uomini, le associazioni, gli enti locali, le scuole, le università, i media, le organizzazioni laiche e religiose interessate un’azione straordinaria di educazione, formazione, informazione e impegno a favore della pace e dei diritti umani fino al 10 dicembre 2018». Per informazioni: www.perlapace.it.

21 settembre 2017