L'informazione della Diocesi di Roma

Gli “eroi della solidarietà” trovano posto al Gianicolo

Nella Giornata del dono, il blitz realizzato dall’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati nell’ambito della campagna “I grandi dell’umanità”, dedicata a sensibilizzare sul tema dei lasciti solidali

Il signor Alfredo, il cui lascito ha permesso all’Unhcr – l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati – di «assistere tante famiglie costrette a fuggire dalla guerra». La professoressa Eleonora Vincenti, «il cui lascito ha donato nuova speranza a chi ha perso tutto». La signora Bruna, «che con il suo lascito mantiene in vita il suo impegno per i più deboli». Ieri, mercoledì 4 ottobre, Giornata del dono, i loro busti sono comparsi al fianco dei circa 200 busti di italiani illustri che affollano la passeggiata del Gianicolo: eroi della solidarietà dei nostri giorni, che l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati ha voluto ricordare, nell’ambito della campagna “I grandi dell’umanità”. Persone che hanno contribuito a cambiare la storia di tanti rifugiati, attraverso la scelta di fare un lascito testamentario all’agenzia Onu per i rifugiati.

Un’azione simbolica, quella dell’Unhcr, voluta per sensibilizzare sulla possibilità di aiutare i rifugiati, persone costrette a fuggire a causa dei conflitti e delle persecuzioni, scegliendo oggi di includere un lascito solidale nel proprio testamento. «Un gesto semplice da realizzare – dichiarano dall’Unhcr -, che non costa nulla a chi lo compie e che un giorno si trasformerà in un aiuto concreto per tanti. Un modo a portata di tutti per rendere eterni i propri valori di solidarietà e giustizia e continuare ad esserci anche quando non ci si sarà più». Si tratta, per di più, di una pratica che si sta diffondendo in misura sempre maggior nel nostro Paese, al punto che l’Osservatorio Fondazione Cariplo stima che nel 2030 vi saranno oltre 400mila lasciti solidali in Italia, per un valore di 129 miliardi di euro donati, con un incremento del 23% rispetto al 2009. Ad aderire a questo tipo di donazione, secondo i dati dell’indagine, non sono solamente persone senza discendenti diretti ma anche individui con eredi, che decidono di destinare comunque parte della propria eredità alla loro causa del cuore.

La campagna “I grandi dell’umanità”, realizzata pro bono dall’agenzia Young&Rubicam, prevede anche uno spot che sta andando in onda sulle principali reti nazionali e che racconta la grande generosità di Nonna Lucia, una donna che ha deciso di ricordare l’Unhcr nel suo testamento. Per informazioni è possibile visitare il sito
https://testamentosolidale.unhcr.it/.

5 ottobre 2017