giovedì 27 luglio 2017
Giordania: il Patriarcato latino di Gerusalemme a sostegno dei rifugiati iracheni

Giordania: il Patriarcato latino di Gerusalemme a sostegno dei rifugiati iracheni

Condividi

Buoni pasto per fare fronte alle esigenze di base o assortimento di prodotti pre selezionati. Sono gli strumenti concreti offerti grazie al programma “Dio è misericordioso” messo a punto dal Patriarcato latino di Gerusalemme per le famiglie di rifugiati cristiani arrivati in Giordania dall’Iraq nel 2014. Grazie al sostegno della Luogotenenza e della Fondazione tedesca, ogni famiglia riceve un coupon di 50 dinari giordani, piuttosto che una scatola di prodotti alimentari pre-selezionati, e può andare ad acquistare i prodotti in base alla scelta personale. Il Patriarcato ha stilato un accordo con un negozio locale che accetta il pagamento con questi tagliandi.

136mila, a oggi, le famiglie che benediciano del programma. Per preservarne l’integrità e consentire il finanziamento delle esigenze legittime, ossia cibo e igiene, alcuni prodotti sono esenti dal pagamento al momento dell’acquisto. Il coupon è accettato come moneta per i diversi prodotti come lattine, latte in polvere, formaggio, riso, zucchero, sapone e detersivi. A questo programma si aggiunge l’assistenza scolastica che prevede la copertura delle tasse universitarie, l’acquisto di libri di testo e delle uniformi, i costi di trasporto per raggiungere la scuola, insieme a corsi e formazioni per centinaia di studenti. Complessivamente, sono 11.325 le famiglie rifugiate irachene assistite in vario modo dal Patriarcato latino in Giordania.

14 febbraio 2017