L'informazione della Diocesi di Roma

Giuliano Amato, su scienza e fede «esistono limiti da non superare»

A San Cipriano l’incontro del Cortile dei Gentili. Gristina: «Pur partendo da posizioni differenti possono collaborare in vista di obiettivi comuni»

A San Cipriano l’incontro del Cortile dei Gentili. Gristina della Siarti: «Pur partendo da posizioni differenti possono collaborare in vista di obiettivi comuni» 

Il limite, inteso come luogo del pregiudizio, va superato. Quando invece sia barriera protettiva, di contenimento, va rispettato. È questo il messaggio emerso dalle riflessioni degli oratori che venerdì sera, 16 giugno, hanno animato il dibattito “Scienza&Fede, la sfida del dialogo” organizzato dal Cortile dei Gentili presso la parrocchia di San Cipriano, a Torrevecchia. Ad aprire l’incontro padre Laurent Mazas, direttore esecutivo della struttura del Pontifico Consiglio della Cultura nata nel 2011 per favorire l’incontro tra credenti e non credenti: «Il confronto è autentico se vi è rispetto reciproco, che nasce dall’ascolto – ha spiegato – e oggi appare urgente il dialogo in vista della fraternità, non del proselitismo».

In particolare il religioso ha sottolineato
quale sia l’atteggiamento da adottare fornendo indicazioni metodologiche «per realizzare spazi di ricerca della verità»: si tratta di mettersi in discussione, accettando anche la crisi. È da una matrice comune che originano scienza e fede secondo Giuliano Amato, già presidente del Consiglio e presidente della Consulta scientifica del Cortile dei Gentili: «Il tentativo di rispondere alle domande radicali è ciò che anima scienziati e credenti» ma mentre in passato «vi era dicotomia, oggi vi è complementarietà: concorrono per dare senso all’esistenza».

Alla luce delle questioni etiche attuali
come l’obiezione di coscienza e la legge sul fine vita, approvata alla Camera e in questi giorni in discussione al Senato, Amato auspica che a prevalere sia «il senso di responsabilità: il credente risponde a Dio, lo scienziato alla propria coscienza» perché c’è sempre «un limite da non valicare anche quando tecnicamente fosse valicabile» per una scienza «che ci ha portato a creare la vita in laboratorio e a gestire la morte». Il giudice costituzionale ha citato Dante e il canto di Ulisse, vedendo nelle Colonne d’Ercole il limite ultimo «non imposto da un Dio cattivo che vuole frenare la scienza» ma un confine da rispettare «se non vogliamo mettere a repentaglio la nostra stessa umanità».

Amato ha evidenziato come gli sviluppi della ricerca scientifica abbiano conferito in passato, e conferiscano ancora oggi, all’uomo «un potere che però non necessariamente deve essere praticato, specie se offende la nostra dignità». Quindi, concludendo con un invito alla capacità di accettazione della nostra condizione di creature, ha evidenziato l’importanza di «un dialogo proficuo tra scienziati, filosofi e teologi».

Giuseppe Gristina, coordinatore della Commissione di bioetica della Siaarti (Società italiana di anestesia analgesia rianimazione e terapia intensiva) da uomo di scienza che «non ha il dono della fede e si professa agnostico» ha posto l’accento sulla «serena convivenza» che caratterizza disciplina scientifica e fede, oggi: «pur partendo da posizioni differenti possono collaborare in vista di obiettivi comuni». Se la scienza muove «dai casi particolari per pervenire alla legge generale – ha spiegato -, la fede determina la creatura dal principio primo, il Creatore» ma un metodo diverso non manca di una base comune: «l’attività dello scienziato e la meditazione del credente sono entrambe una ricerca continua, animata dalla speranza». Ancora, Gristina ha evidenziato come quella tra scienza e fede sia una sfida solo «laddove si neghi il punto di vista dell’altro» rimandendo radicati nelle proprie posizioni: la vera sfida, invece, sta «nel saper riconoscere come legittime le ragioni dell’altro, del suo pensiero».

19 giugno 2017