#HateisOut contro la violenza sulle donne

A portare avanti la campagna contro l’odio in rete gli studenti dell’Università Cattolica, in particolare del corso di laurea magistrale in Comunicazione per l’impresa

Una campagna contro l’odio in rete. Protagonisti sono gli studenti dell’Università Cattolica, in particolare quelli del corso di laurea magistrale in Comunicazione per l’impresa, i media e le organizzazioni complesse, che hanno lanciato “#HateisOut: Schierati dalla parte giusta della rete”. L’obiettivo è diffondere una cultura del rispetto verso le donne anche sui social. Gli studenti si confronteranno con coetanei internazionali. Per il semestre autunnale sono solo due gli atenei italiani coinvolti: l’Università Cattolica del Sacro Cuore e l’Università di Cagliari, 140 invece gli studenti coinvolti nella campagna, che stanno lavorando divisi in 13 team per aree tematiche.

Dopo un’analisi dello scenario italiano e milanese, gli studenti hanno deciso di creare una campagna online e iniziative offline di informazione e mobilitazione che mirino «ad arginare i commenti d’odio a sfondo sessuale rivolti alle donne. Non si tratta solo di combattere chi li alimenta, ma soprattutto di sensibilizzare la maggioranza silenziosa, che resta a guardare senza intervenire». La campagna promuove in primo luogo un impegno sui social media attraverso la pagina Facebook, il profilo Instagram e il sito web dove vengono pubblicati post che invitano a riflettere sul tema dell’hate speech contro le donne, articoli di approfondimento e tutorial per difendersi dalle situazioni spiacevoli, come ad esempio bloccare un utente o segnalare i commenti. Per partecipare in prima persona tutti sono invitati a scrivere sul palmo della mano l’hashtag #HateisOut e a pubblicare un selfie sui propri profili social.

 

23 novembre 2017