L'informazione della Diocesi di Roma

Il 16 giugno scade l’acconto Imu e Tasi

Per l’anno 2017 sono valide le aliquote previste dalle delibere del Commissario Straordinario del febbraio 2016

Per l’anno 2017 sono valide le aliquote previste dalle delibere del Commissario Straordinario del febbraio 2016

Il Comune di Roma comunica che il 16 giugno scade il termine per il pagamento dell’acconto Imu e Tasi 2017. Le abitazioni principali e relative pertinenze, diverse da A/1, A/8 e A/9, non pagano Imu e Tasi. Per l’anno 2017 sono valide le aliquote previste dalle delibere del Commissario Straordinario del 19/02/2016. Per quanto riguarda l’Imu sono tre le aliquote: 5 per mille per le abitazioni principali e relative pertinenze classificate come A1, A8 e A9 e 6,8 per mille per gli alloggi assegnati dall’Ater, con una detrazione pari a 200 euro /anno; 7,6 per mille per le unità immobiliari non produttive di reddito fondiario, per i teatri e le sale cinematografiche, per i negozi storici, per le edicole; 10,6 per mille per tutti gli altri immobili.

Per quanto riguarda la Tasi, dovuta da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo unità immobiliari (fabbricati e aree fabbricabili), con esclusione dei terreni agricoli e di quelle destinate ad abitazione principale dal possessore nonché dall’utilizzatore e dal suo nucleo familiare, non classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, le aliquote da applicare sono due: 1 per mille per le abitazioni principali e relative pertinenze classificate A1, A8 e A9 e per i fabbricati rurali ad uso strumentale; 0,8 per mille per tutti gli altri immobili (compresi quelli assegnati dall’Ater e gli alloggi Erp).

31 maggio 2017