L'informazione della Diocesi di Roma

Il Comune vara l’ordinanza anti alcol

Il sindaco Raggi: «Evitare che si verifichino episodi di grave turbamento della quiete pubblica nelle zone centrali»

Il sindaco Raggi: «Evitare che si verifichino episodi di grave turbamento della quiete pubblica nelle zone centrali»

«Evitare che si verifichino episodi di violazione delle regole, dell’ambiente e del contesto urbano o di grave turbamento della quiete pubblica. Con questo obiettivo il sindaco di Roma Capitale, Virginia Raggi, ha firmato un’ordinanza, valida dal 7 luglio al 31 ottobre, che stabilisce il divieto di vendita, somministrazione e consumo di bevande alcoliche e superalcoliche in specifiche aree del territorio capitolino oltre determinati orari». A renderlo noto, ieri 5 luglio, è stato l’ufficio stampa del Campidoglio.

Il provvedimento – si legge nel comunicato
– riguarda «le zone tipiche della movida, dove si registrano i maggiori problemi: centro storico, Monti, Celio, Esquilino, Trastevere, Testaccio, Prati, San Lorenzo, Ponte Milvio, Eur, Ostia». Tutti i giorni della settimana sarà vietato, dalle 24 alle 7 del mattino il consumo di bevande alcoliche e superalcoliche su strade aperte al pubblico; mentre dalle 22 alle 7 è vietato il consumo di bevande alcoliche in contenitori di vetro. Tutti gli esercenti «saranno, inoltre, obbligati a esporre all’interno e all’uscita del locale, in modo visibile e leggibile, un avviso tradotto in quattro lingue (inglese, francese, spagnolo, tedesco) con una schema in cui vengono indicate tutte le misure stabilite dall’ordinanza».

6 luglio 2017