L'informazione della Diocesi di Roma

In città torna la Settimana della mobilità sostenibile

Dal 16 al 22 settembre nel centro storico convegni, concerti, e prove di pedonalizzazione. L’assessore alla Mobilità di Roma Capitale, Guido Improta: «Bike sharing da gennaio e pronti con la Metro C»

Muoversi in città rispettando l’ambiente si può. Sono tante le iniziative che coinvolgeranno la Capitale durante la Settimana europea della mobilità; quasi 60. Tutte volte a rendere sempre più sostenibile il trasporto pubblico e sensibilizzare, allo stesso tempo, i cittadini a lasciare motorini e macchine a casa. Cavallo di battaglia del sindaco Ignazio Marino, la pedonalizzazione di diverse zone della città sarà al centro degli appuntamenti di presentazione della chiusura sperimentale di strade e piazze in quartieri come Flaminio e l’Eur. E ancora, passeggiate in bicicletta da Valle Aurelia a Montemario, sulla nuova pista ciclabile, visite ai cantieri della Metro C, convegni, e incontri.

Tra il concerto di Simone Cristicchi e la Bike walk di 6 chilometri da Piazza del Popolo al Circo Massimo sarà importante veicolare il messaggio, dice l’assessore alla Mobilità, Guido Improta, che «a Roma ci sono 970 auto ogni 1.000 abitanti: questa mobilità di trasporto causerà il blocco di Roma come quello di tutte altre grandi città. Per questo lanciamo un modello di vivibilità diverso». «La settimana della mobilità non sarà una celebrazione fine a se stessa- ha aggiunto Improta- richiamare l’attenzione sulla mobilità sostenibile vuol dire richiamare i cittadini a comportamenti più consapevoli su come utilizzare l’offerta dei trasporti e sulle conseguenze dei loro comportamenti. Noi perdiamo 135 milioni di ore nel traffico ogni anno con 20.000 incidenti, di cui centinaia mortali. Questi sono i numeri di una battaglia per la conquista di spazi oggettivamente limitati se li vogliamo occupare tutti con la nostra auto».

E sempre Improta, nel corso della conferenza stampa di presentazione della Settimana della mobilità, ha presentato il nuovo servizio di bike-sharing che partirà tra gennaio e febbraio 2015 con 120 bici a pedalata assistita presenti nel primo municipio. «La metro C esiste ed è in buone condizioni» ha confermato l’assessore. «Dal punto di vista infrastrutturale non ci sono problemi. Si stanno tarando i sistemi riguardanti la parte software. A chi mi ferma per strada e mi dice Ma l’11 ottobre si apre veramente? La mia risposta è: Certo che si apre». Rispetto al capolinea a piazza Venezia ha aggiunto: «Dobbiamo prendere la decisione definitiva se la stazione di piazza Venezia della linea C sarà terminale, ovvero un capolinea, o passante. E questo è un nodo politico che scioglieremo questa settimana, o al massimo la prossima, con il sindaco Marino, la Regione Lazio e il ministero delle Infrastrutture».

16 settembre 2014