sabato 25 marzo 2017
La “buona notizia” protagonista della campagna Ucsi
Print Friendly

La “buona notizia” protagonista della campagna Ucsi

Condividi

Sulle sue pagine web l’Ucsi (Unione cattolica della stampa italiana) lancia la sua campagna per la “buona notizia”. L’obiettivo: condividere, utilizzando il sito come strumento multimediale, «un gesto, un’azione, una buona pratica. Senza retorica, senza inutile “buonismo” e sterili autocelebrazioni». Ai lettori delle pagine web e agli iscritti Ucsi sui territorio viene chiesto di contribuire, attraverso articoli e segnalazioni, interviste e piccoli filmati, a fare emergere «storie positive, di quelle che non conosciamo ma che possono cambiare, un po’, la nostra vita o almeno la percezione della realtà che ci circonda».

A stimolare la riflessione e poi l’iniziativa, il riconoscimento per la “migliore foto dell’anno” attribuito a Burhan Ozbilici, di “The Associated Press”, con lo scatto dell’omicidio dell’ambasciatore russo in Turchia. «Ricordiamo con emozione – si legge sul sito Ucsi – il racconto che fece ad Assisi, alla nostra scuola di formazione, il fotoreporter Francesco Zizola (anche lui premiato in passato con il “World Press Photo”): “Ogni foto – diceva – porta in sé un carico di responsabilità che chi le scatta deve avere”. Per lui l’etica dell’immagine è come quella della parola, e anzi una fotografia e un video possono scuotere anche di più. Accade per le cose negative, certamente, e può avere lo stesso effetto anche con quelle positive, di gioia, di speranza».

17 febbraio 2017

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Abbiamo aggiornato l'Informativa secondo la "EU Cookie Law". Puoi continuare ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccare su "Accetta" permettendo il loro utilizzo.

Chiudi