L’appello di Agesc per parità e autonomia nella scuola
Print Friendly

L’appello di Agesc per parità e autonomia nella scuola

Condividi

La “Buona Scuola”, l’associazione genitori scuole cattoliche invita il Parlamento a fornire strumenti per scelta ampia dell’offerta formativa 

L’Associazione genitori scuole cattoliche (Agesc) lancia un appello a Parlamento e ministero per la parità e l’autonomia scolastica, in vista della conclusione dell’esame dei decreti attuativi della legge 107 del 2015 (“Buona Scuola”). «I decreti – spiega l’Agesc – non promuovono decisi passi in avanti dell’autonomia e della parità scolastica che, come genitori, riteniamo pilastri fondamentali per il rinnovamento del sistema nazionale di istruzione».

Nell’appello si chiede che «si tenga conto in primo luogo dei bisogni di tutti gli studenti e di tutte le famiglie della scuola italiana, che chiedono di avere a disposizione una vasta offerta formativa, mettendo in secondo piano i problemi occupazionali e sindacali, certo importanti purché non siano a scapito del bene primario costituito dagli alunni stessi».

Inoltre, si auspica che «l’emanazione
definitiva dei decreti attuativi della legge 107 rappresenti l’occasione per un avanzamento del nostro sistema di istruzione verso obiettivi di pluralismo ed efficacia, ricordando a tutti che, riguardo sia alla libertà di scelta educativa sia ai risultati scolastici, l’Italia è purtroppo ancora oggi ai gradini più bassi nelle graduatorie internazionali».

17 marzo 2017