L'informazione della Diocesi di Roma

Minori, Garante e pediatri insieme per promuoverne salute e benessere

Siglato un protocollo d’intesa per «favorire una crescita sana di bambini e adolescenti e garantire lo sviluppo della loro personalità in tutte le sue potenzialità». La strada dell’alta formazione per gli operatori e la raccolta sistematica dei dati per diffondere le buone prassi

Sono Filomena Albano, Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza, e il presidente della Società italiana di pediatria Alberto Villani i firmatari del protocollo d’intesa siglato ieri, lunedì 9 ottobre, finalizzato a «realizzare azioni e iniziative congiunte volte a promuovere la salute e il benessere fisico, psichico e sociale delle persone di minore età». Per Filomena Albano, «si tratta di un progetto particolarmente importante, attraverso il quale ci proponiamo di porre in essere tutta una serie di interventi e azioni concrete finalizzate a favorire una crescita sana di bambini e adolescenti e garantire lo sviluppo della loro personalità in tutte le sue potenzialità».

Sulla stessa linea il commento di Alberto Villani, che rivendica per la Società italiana di pediatria l’impegno, «da sempre», nella «promozione e tutela della salute fisica, psichica e sociale del bambino e dell’adolescente nella nostra società. Il protocollo d’intesa siglato con l’Autorità garante – prosegue – è un passo decisivo per rendere più concreto questo obiettivo».

In linea con le funzioni e i compiti dell’Autorità garante e della Società italiana di pediatria, l’intesa prevede in particolare «la promozione di attività di studio e ricerca e iniziative di divulgazione scientifica e culturale, oltre alla realizzazione di corsi di aggiornamento, perfezionamento e alta formazione rivolti a operatori sociali e sanitari e, più in generale, a tutti gli attori coinvolti nel processo di tutela e crescita». Prevista nell’intesa siglata da Filomena Albano e Alberto Villani, tra le altre cose, anche «la realizzazione di una raccolta sistematica di dati che permetterà di condividere e diffondere le buone prassi emergenti».

10 ottobre 2017