RomaSette
Martedì 29 Luglio 2014
Cultura e Società: La Bibbia 7 giorni «no stop»

La lettura del testo integrale a ottobre trasmessa in diretta dalla Rai. Oltre 1.200 persone si alterneranno al leggio, senza interruzioni, nella basilica di Santa Croce in Gerusalemme di Giulia Rocchi

Riscoprire l'importanza della Parola di Angelo Zema
Sinodo dei vescovi, tra i "padri" anche il cardinale Vallini

Dalla Genesi all’Apocalisse, per sette giorni e sei notti. Senza interruzioni. Né commenti. L’Antico e il Nuovo Testamento verranno letti integralmente, un libro dopo l’altro, da oltre 1.200 persone diverse, all’interno della basilica di Santa Croce in Gerusalemme. Che per l’occasione, dal 5 all’11 ottobre, resterà sempre aperta ai fedeli, invitati ad ascoltare la Parola di Dio. Perché è il testo sacro dei cristiani, il libro più letto al mondo, il vero protagonista dell’originale evento chiamato, appunto, «La Bibbia giorno e notte». Un’iniziativa dedicata non solo ai cittadini romani, ma che potrà essere seguita in televisione, su Rai Uno - l’apertura con Papa Benedetto XVI, alle 19 del 5 ottobre, e la chiusura con il cardinale Segretario di Stato vaticano Tarcisio Bertone, attorno alle 13.30 dell’11 - e sul canale satellitare Rai Edu 2. Con 139 ore di trasmissioni ininterrotte andrà in onda, così, la più lunga diretta televisiva mai realizzata dalla televisione pubblica.

La «maratona biblica» nasce dall’idea di un gruppo di amici di Limoges, in Francia, ed è stata ripresa da Rai Vaticano, Santa Sede, Cei, Vicariato di Roma, Società Biblica in Italia e Federazione Biblica Cattolica, e si svolge in concomitanza con la settimana iniziale della XII assemblea generale del Sinodo dei vescovi, dedicata alla Parola di Dio. «Abbiamo invitato a leggere alcuni brani 25 padri sinodali dei 5 continenti - anticipa Giuseppe De Carli, responsabile della struttura Rai Vaticano e curatore dell’evento insieme con Elena Balestri - e l’adesione è stata del cento per cento. È un segno dell’universalità di questa iniziativa». A cui, prosegue De Carli, parteciperanno anche protestanti, ortodossi, rappresentanti delle comunità ebraiche. «A titolo personale si sono iscritti pure tre musulmani - sottolinea - in segno di rispetto verso il nostro testo sacro».

Al leggio si alterneranno leader dei principali movimenti e ragazzi delle parrocchie, attori e artisti, giovani e anziani. Tanti i nomi noti segnati sull’elenco delle iscrizioni, che ha già superato le mille adesioni, ma non è questo l’importante, per De Carli. «Sarà una lettura corale - afferma -, in cui il nudo testo andrà in scena senza commento, perché il commento divide mentre il testo unisce. Il gesto della proclamazione per il credente è atto della fede, è confronto diretto con Dio che parla».

Come filo conduttore, per non smarrirsi tra i vari libri della Bibbia, il verso «Lampada per i miei passi è la tua parola, luce sul mio cammino», dal Salmo 119. Ogni brano sarà preceduto da un’antifona, quasi a spiegare il testo che ci si appresta a leggere e ad ascoltare. Ogni ora e mezza di lettura, poi, ci saranno 13 minuti di musica, per un totale di 80 intervalli musicali, affidati a diversi gruppi e solisti. «Piccole pillole che completano il testo biblico», li definisce monsignor Marco Frisina, alla guida dell’Ufficio liturgico diocesano e del Coro della diocesi di Roma, e direttore musicale dell’evento. «Considero questa iniziativa come un riflettore acceso sulla Parola di Dio - commenta -, unica protagonista». Nessuna scenografia, infatti, dietro al leggio su cui poggerà il testo sacro. Solo la basilica di Santa Croce e uno schermo su cui scorreranno parole della Bibbia. Giorno e notte.

8 settembre 2008



Altri Articoli recenti in questa categoria
21/7/2014 - Said e quella notte di bombe in Palestina
21/7/2014 - A Gaza distrutto il centro La Terra dei Bambini
21/7/2014 - Torna il corso in Diritto vaticano alla Lumsa
21/7/2014 - All’Istituto Giovanni Paolo II formazione permanente in pastorale familiare
21/7/2014 - Ucraina, la sveglia da un grande dolore
21/7/2014 - Iraq, timore per i cristiani di Mosul
18/7/2014 - Monsignor Andreatta parte per la Terra Santa
18/7/2014 - A Gaza l'impegno di Ats Pro Terra Sancta
18/7/2014 - Gaza, Israele varca il confine
18/7/2014 - Lo sport in crescita nel mondo del "no profit"
18/7/2014 - Stazioni ferroviarie, cresce l’emarginazione
18/7/2014 - Il Parlamento europeo torna a occuparsi di Meriam
17/7/2014 - Settimanali cattolici: a settembre il XXIII Master “Monsignor Alfio Inserra”
17/7/2014 - Iraq, giro di vite contro i cristiani: basta una "N"
16/7/2014 - Regione: 36 case cantoniere a Comuni e associazioni
15/7/2014 - Gioco d'azzardo, no a nuove macchinette per 5 anni
15/7/2014 - Iraq, liberate le suore rapite a Mosul. Timore per i cristiani
15/7/2014 - L'offensiva israeliana e l'emergenza umanitaria a Gaza
15/7/2014 - Cresce in Italia la povertà assoluta
14/7/2014 - Le Sale di comunità: forti in periferia, significative nella Chiesa

IN EDICOLA

SPECIALI NEWS
DOSSIER










i 7 doni dello spirito
I Documenti della Diocesi
SIR
Vicariatus Urbis
Vicariatus Urbis
FISC - Federazione Italiana Settimanali Cattolici
Avvenire.it
Radio Vaticana - 105 live
TV 2000
Radio inBlu