RomaSette
Giovedì 30 Ottobre 2014
Solidarietà: Con la "Run for food" più speranza per Haiti

La maratona contro la fame nel mondo abbinata a un progetto della Fao per l'isola caraibica: i fondi raccolti serviranno per piantare alberi da frutto nelle scuole del Paese di Daniele Piccini

Domenica 17 ottobre, migliaia di podisti punteranno i riflettori su 925 milioni di persone che ogni anno nel mondo soffrono la fame. Nella settimana in cui si celebra la Giornata mondiale dell’alimentazione si corre infatti nella Capitale la quinta edizione della “Run for food”, una maratonina organizzata dal Gruppo sportivo Bancari romani in collaborazione con la Fao, l’Ifad (Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo), il Pam (Programma alimentare mondiale), Bioversity International, con il sostegno di Roma Capitale e il patrocinio della Presidenza della Repubblica. La gara prenderà il via alle ore 10 dalla corsia centrale di viale delle Terme di Caracalla: per primi partiranno i partecipanti alla gara competitiva di 10 chilometri, a seguire gli atleti “non competitivi”, che correranno cinque chilometri (i primi cinque della gara competitiva).

I fondi raccolti, tra iscrizioni e donazioni, serviranno a finanziare il progetto “Alberi da frutto per Haiti”. Nelle scuole dell’isola caraibica, colpita lo scorso 12 gennaio da un violento terremoto, saranno piantati alberi da frutto, non solo per incrementare il tasso di deforestazione di Haiti, tra i più alti al mondo, ma anche per regalare ai bambini haitiani una futura possibilità di alimentazione. Con una donazione di soli 3,70 euro è possibile comprare un albero di avocado o di mango per un giardino scolastico di Haiti e coprire il costo dei fertilizzanti. L’iniziativa si fonda sulla lunga esperienza della Fao nello sviluppo degli orti scolastici nei paesi del Sud del mondo: gli edifici circondati da alberi saranno infatti meglio protetti dalle inondazioni che colpiscono Haiti durante la stagione delle piogge.

Numerose personalità del mondo dello spettacolo e dello sport hanno prestato il proprio volto a favore della manifestazione e partecipato alla presentazione tenutasi giorni scorsi presso i Musei Capitolini. La madrina della quinta edizione della “Run for food “sarà l’attrice Maria Grazia Cucinotta, che non esita a schierarsi al fianco dei più indifesi: «Quando capita di andare in zone del mondo in cui la mancanza di cibo è un problema primario – ha detto la Cucinotta – ad ogni sorriso dei bambini capisci l’importanza di quel viaggio, sai che gli stai dando un futuro». Accanto a lei ci sarà l’olimpionico di boxe del 1960, Nino Benvenuti, pronto a salire sul ring contro indifferenza e disinformazione: «Il nostro obiettivo è arrivare a chi non è informato, a quelli che non sanno ancora che ci sono quasi un miliardo di persone denutrite nel mondo e che ogni sei secondi muore un bambino a causa della fame». Testimonial dell’iniziativa anche l’atleta Andrew Howe, primatista italiano nel salto in lungo indoor e outdoor, e Valentina Vezzali, pluri-campionessa olimpionica di fioretto che, con un messaggio video ha invitato a firmare la petizione “1 billion hungry” sul sito www.1billionhungry.org.

«Roma è onorata di ospitare e sostenere la “Run for food” – ha concluso il delegato capitolino per lo sport Alessandro Cochi – una competizione che dimostra ancora una volta quanto lo sport sia importante anche per manifestazioni di solidarietà. La corsa cresce ogni anno e la dimostrazione è l’aumento di iscrizioni da parte delle persone».

14 ottobre 2010



Altri Articoli recenti in questa categoria
12/9/2014 - Il pellegrinaggio dell'Unitalsi a Lourdes
11/9/2014 - Per il Ciad tra arte , solidarietà e sviluppo
11/9/2014 - L'Unitalsi a Genova con 30 disabili delle periferie romane
9/9/2014 - Caritas, torna la raccolta alimentare
8/9/2014 - Caritas internationalis e l'emergenza aiuti in Medio Oriente
8/9/2014 - Caritas, formazione per i volontari
8/9/2014 - «Sostegno ai profughi dell’Iraq»
21/7/2014 - Storie di solitudine, gli interventi della Caritas
18/7/2014 - Il Bambino Gesù trasferisce i laboratori
18/7/2014 - Terzo settore, ecco perché c’è davvero bisogno di una riforma

IN EDICOLA

SPECIALI NEWS
DOSSIER










I Documenti della Diocesi