RomaSette
Giovedì 31 Luglio 2014
Solidarietà: Scomparsa Le Quyen Ngo Dinh, una vita per gli altri

La responsabile dell'Area immigrati della Caritas diocesana, 53 anni, è deceduta in un incidente. Nel 2008 aveva ricevuto la cittadinanza italiana con decreto del Presidente della Repubblica. Sabato 21 aprile i funerali di Federica Cifelli

Rifugiati a Roma, una storia lunga 30 anni

Migranti, donne e minori a rischio

È rimasta schiacciata da uno scuolabus pieno di bambini rom diretti a scuola Le Quyen Ngo Dinh, la responsabile dell’Area immigrati della Caritas diocesana di Roma, deceduta questa mattina all’età di 53 anni. L’incidente è avvenuto questa mattina, lunedì 16 aprile, alle 8.30 sulla via Pontina, al km 12, all’altezza di Mostacciano, alle porte della Capitale. Ngo Dinh stava andando al lavoro nel suo ufficio in via delle Zoccolette, sede del Centro d’ascolto per immigrati aperto dalla Caritas romana 31 anni fa con l’obiettivo di «capire chi arrivava e come aiutarla», ricordava la stessa responsabile a Romasette.it appena un anno fa (leggi il testo integrale dell'articolo). È stata sbalzata dallo scooter che stava guidando, finendo sotto le ruote dello scuolabus che trasportava 23 bambini e diversi operatori sociali. I funerali saranno celebrati dal vescovo Guerino Di Tora, già direttore della Caritas romana, sabato 21 aprile alle 11 nella parrocchia di San Gregorio Barbarigo.

Nata a Saigon il 26 luglio 1959, Le Quyen era arrivata in Italia nel 1963, ricevendo lo status di rifugiata nel 1990. Dal dicembre 1992 al novembre 1996 era stata responsabile del Centro ascolto stranieri della Caritas romana, l’osservatorio più ampio e strutturato sull’immigrazione nell’ambito del volontariato in Italia, con oltre 200mila dossier di cittadini stranieri registrati dal 1981 in rappresentanza di circa 150 Paesi. Nel dicembre 1996 era diventata responsabile dell’Area immigrati della Caritas, con il ruolo di coordinamento e supervisione dei servizi e dei progetti destinati ai cittadini stranieri immigrati, rifugiati e vittime di tratta: centri di ascolto, sportelli informativi, centri di accoglienza per uomini, donne e famiglie, asili nido. Dal luglio del 2000 al dicembre del 2007 era stata anche responsabile del Coordinamento nazionale Asilo della Caritas italiana e del Progetto rifugiati, coordinando le attività in materia di asilo di 46 Caritas diocesane. Membro della Commissione migrazioni di Caritas Europa, di cui era stata anche presidente, dal giugno 2009 era presidente sella sezione italiana dell’Associazione per lo studio del problema mondiale dei rifugiati, organizzazione non governativa a carattere internazionale, con status consultivo presso le Nazioni Unite e il Consiglio d’Europa.

Per gli «eminenti servizi resi all’Italia», su proposta del ministero dell’Interno nel 2008 è stata la prima in Italia a ricevere la cittadinanza italiana con decreto del Presidente della Repubblica. La motivazione: «Eccezionale interesse dello Stato».

16 aprile 2012



Altri Articoli recenti in questa categoria
21/7/2014 - Storie di solitudine, gli interventi della Caritas
18/7/2014 - Il Bambino Gesù trasferisce i laboratori
18/7/2014 - Terzo settore, ecco perché c’è davvero bisogno di una riforma
17/7/2014 - Al Sant'Alessio una festa per "uscire dal buio"
15/7/2014 - Per le famiglie in difficoltà arriva SOS Estate
9/7/2014 - Cena del Circolo S. Pietro per i poveri nei Giardini Vaticani
1/7/2014 - Al via la campagna estiva per la donazione del sangue
1/7/2014 - Salvamamme, una Valigia di Salvataggio per le donne in fuga dalla violenza
27/6/2014 - Contro l'abbandono dei neonati c'è il progetto "Ninna ho"
26/6/2014 - Amref cerca “donatori d’acqua” per costruire 100 pozzi in Kenya
26/6/2014 - Caritas diocesana: “Riconoscersi”, guida all'inclusione
26/6/2014 - Unitalsi, Pellegrinaggio della Gioia a Loreto
23/6/2014 - Caritas, a Villa Glori la nuova Casa famiglia per malati di Aids
20/6/2014 - Per i rifugiati un'accoglienza più sostenibile
20/6/2014 - Accogliere i rifugiati, questione di giustizia
20/6/2014 - Emergenza sbarchi, il sostegno della diocesi di Roma alla Chiesa di Palermo
19/6/2014 - Rifugiati, la situazione a Roma e l'impegno della Caritas
17/6/2014 - A Villa Glori nuova casa famiglia Caritas per malati di Aids
13/6/2014 - #Abilitutti con Us Acli e Uisp
13/6/2014 - Povertà, la Cei sospende il Prestito della Speranza: «Criteri da rivedere»

IN EDICOLA

SPECIALI NEWS
DOSSIER










i 7 doni dello spirito
I Documenti della Diocesi
SIR
Vicariatus Urbis
Vicariatus Urbis
FISC - Federazione Italiana Settimanali Cattolici
Avvenire.it
Radio Vaticana - 105 live
TV 2000
Radio inBlu