RomaSette
Sabato 25 Ottobre 2014
Salute: Roma Capitale, obiettivo puntato sulla prevenzione

Quattro giornate di visite e controlli gratuiti l'8 e il 9 marzo, il 19 marzo e il 12 maggio, con gli specialisti di Artemisia, rivolte soprattutto alle fasce sociali più deboli. Prenotazioni presso le Pari opportunità o l'associazione di R. S.

Prevenzione del tumore al collo dell’utero e pap test, ma anche elettrocardiogrammi e servizi di assistenza. Per quattro giornate, l’8 e il 9 marzo, il 19 marzo e il 12 maggio, Roma Capitale offre a circa 2mila cittadini la possibilità di uno screening gratuito, coinvolgendo in maniera particolare le fasce sociali più deboli, grazie alla collaborazione degli specialisti dell’associazione Artemisia onlus. “Prevenzione prima di tutto”: questo lo slogan dell’iniziativa, presentata ieri, 6 marzo, in Campidoglio, dal delegato capitolino alle Pari opportunità Livia Mennuni e dal presidente della commissione Bilancio di Roma Capitale, Federico Guidi, insieme alla presidente dell’associazione Artemisia Mariastella Giorlandino. Con loro anche l’attrice Nicoletta Romanoff, testimonial della giornata di screening dell’8 marzo dedicata alle donne, con l’obiettivo della prevenzione del tumore al collo dell’utero e l’erogazione di pap test. Il 19 marzo, invece, festa del Papà, saranno effettuati elettrocardiogrammi; ancora pap test e servizi di assistenza infine il 12 maggio, in occasione della festa della Mamma.

Tappe diverse di un unico percorso mirato a «monitorare lo stato di salute della popolazione», ha dichiarato Guidi, sviluppando «un’ampia e capillare campagna di sensibilizzazione ed educazione alla prevenzione, mettendo a disposizione gratuitamente un servizio che si avvale della professionalità di specialisti». Ad usufruirne, ha rilevato Mennuni, saranno circa 2mila cittadini, che potranno prenotare lo screening presso il dipartimento Pari opportunità o presso l’associazione Artemisia (numero verde 800.300.100). «In più - ha aggiunto - stiamo provvedendo alla comunicazione ai centri sociali anziani della città, ai nostri centri antiviolenza e al centro di semiautonomia. Per quanto riguarda i centri anziani le visite previsti sono circa 1.500». Le migliaia di visite, ha precisato ancora il presidente della commissione Bilancio di Roma Capitale, «sono state offerte dall’Artemisia onlus a costo zero per la pubblica amministrazione».

7 marzo 2013



Altri Articoli recenti in questa categoria
12/9/2014 - Lo spuntino in classe: i consigli degli esperti del Bambino Gesù
10/9/2014 - Gravidanza e stili di vita, quando i rischi arrivano dal papà
10/9/2014 - Lo zainetto scolastico, istruzioni per l'uso
9/9/2014 - La prevenzione oncologica fa tappa nel Municipio V
5/9/2014 - Caritas diocesana, al via il corso di medicina delle migrazioni
4/9/2014 - Le età dello sport, i consigli degli esperti del Bambino Gesù
2/9/2014 - Regione, al via i Dipartimenti per le professioni sanitarie
21/7/2014 - Prevenzione del suicidio, linea diretta al Sant'Andrea
17/7/2014 - Al Bambino Gesù il robot che aiuta i più piccoli a camminare
11/7/2014 - Gemelli, il cinema come terapia del sollievo

IN EDICOLA

SPECIALI NEWS
DOSSIER










I Documenti della Diocesi