RomaSette
Domenica 20 Aprile 2014
BIOGRAFIE RUBRICHE
LIBRI
RSS Feed
Don Ilunga, zolfo e lavanda

"Fiori per me che profumo", scritto dal sacerdote congolese parroco in Toscana, è un viaggio senza sconti negli anfratti dell’anima, un impasto tra romanzo di genere e indagine esistenziale di Paolo Pegoraro

Leggi
Quando i samurai giravano il mondo

Una lettura, quella di Shushaku Endo, che conserva intatto il proprio fascino, per l'unicità dell'episodio e per la sapiente capacità di ritrarre lo spirito nipponico, anche nelle sue pieghe meno luminose di Paolo Pegoraro

Leggi
L’ultima frontiera di Cormac McCarthy

Chi leggerà questa sceneggiatura, probabilmente non avvertirà il bisogno di vedere il film che ne è stato tratto: la capacità di evocare l’orrore appellandosi all'immaginazione è più efficace di ogni rappresentazione di Paolo Pegoraro

Leggi
Chesterton, teologo dell’incarnazione

Lo scrittore convertito al cattolicesimo a 48 anni ha dedicato molte pagine al mistero della natività. La recente antologia "Lo spirito del Natale" raccoglie articoli, poesie e saggi composti tra il 1901 e il 1936 di Paolo Pegoraro

Leggi
Benson e i padroni del mondo

L'invito di Papa Francesco a riscoprire il volume nel quale il quarto figlio dell'arcivescovo di Canterbury «ha visto proprio quello spirito della mondanità che ci porta all'apostasia» di Paolo Pegoraro

Leggi
Vita e opere di un Lazzaro contemporaneo

La ristampa di “Sia fatta la tua volontà”, unico romanzo di Stefano Baldi, morto nel 2009. Nel protagonista sembra prendere carne il Salmo 89 con uno spiraglio aperto alla Grazia. Uno stile dalle tinte accese di Paolo Pegoraro

Leggi
Il destino di Dmitrij Karamazov

Il terzo fratello è il vero motore del romanzo di Dostoevskij, lo scrittore russo amato da Papa Francesco, che lo citato nella “Lumen fidei”. Nessuno come lui ha saputo rappresentare l’enigmaticità dell’essere umano di Paolo Pegoraro

Leggi
“Decameron”, la civiltà delle novelle

Le istanze religiose nell’opera di Boccaccio, a settecento anni dalla nascita. Ad avere l’ultima parola nel capolavoro è Griselda, segno della verità che trionfa sulle apparenze di Paolo Pegoraro

Leggi
Mencarelli, miracoli di gioia e di angoscia

Nell'ultima opera del poeta romano, "Figlio", l'energia nuova e ruvida di chi ha generato e si scontra con il male: un dono per tutti gli «uomini e donne fatti genitori» di Paolo Pegoraro

Leggi
L'anarchico che insegnava a obbedire

Ritratto di Stig Dagerman, giornalista e letterato svedese. La sua scrittura è di una perfezione intollerabile: nei racconti vocabolario base e costruzioni senza sbavature di Paolo Pegoraro

Leggi
Il corpo, mosaico soprannaturale

“La scorciatoia divina”, ultima opera del gesuita Jean-Pierre Sonnet, biblista e poeta, vede nel corpo un mezzo privilegiato per l’incontro con il divino. Quindici quadri dedicati all’Eucaristia di Paolo Pegoraro

Leggi
"L'avventura" di Silone e l'attualità

L'ultimo romanzo pubblicato dallo scrittore abruzzese e incentrato sulla figura di Celestino V ripropone la figura del santo caro a Benedetto XVI, che nel 2009 pose il pallio sull'urna che ne conserva le reliquie di Paolo Pegoraro

Leggi
Damiani, guardare è più che immaginare

"Il fico sulla fortezza" conferma che una poesia minimale ha la forza di penetrare i temi più alti. Per arrivare a una conclusione pacifica: a chi è come i bambini appartiene il regno di Dio di Paolo Pegoraro

Leggi
Rimbaud, "Una stagione all’inferno"

Per Davide Rondoni, curatore dell’edizione del capolavoro per Rizzoli, il poeta francese «risulta più utile di Socrate per conoscere oggi qualcosa di noi stessi» di Paolo Pegoraro

Leggi
Rispetto al dolore «Il tempo è un dio breve»

Mariapia Veladiano torna in libreria con una storia che racconta gli sforzi della protagonista Ildegarda alla ricerca di una risposta al «male innocente» di Paolo Pegoraro

Leggi
Quattro libri davanti al presepe

Tra le strenne di Natale, segnaliamo “Lo Hobbit annotato”, che contiene il testo del romanzo di Tolkien tradotto in 41 lingue, nell'edizione ampliata da Anderson, con una serie di spiegazioni, riferimenti e illustrazioni di Paolo Pegoraro

Leggi
Solzenicyn e la "quasi" felicità

"Una giornata di Ivan Denisovič" e "La casa di Matrjona" costituiscono un potente dittico dell'autore russo: quando uscì il primo, Chruščëv volle conoscere personalmente l'autore di Paolo Pegoraro

Leggi
La nostalgia nella poesia di Zagajewski

Nei versi dell'intellettuale colto e raffinato, quasi prototipo dell'intellettuale europeo, rinasce l'esigenza di un'arte capace di riscuotere il cuore «nascosto sotto il cotone ben stirato» di Paolo Pegoraro

Leggi
Miriano, manuali divertenti su temi seri

Secondo successo della giornalista-scrittrice sul matrimonio: in un mese “Sposala e muori per lei” ha superato le 13mila copie, dopo l’uscita di “Sposati e sii sottomessa” di Paolo Pegoraro

Leggi
Torna in libreria “L’erede di Montezuma”

Il romanzo del livornese Coccioli vi approda nuovamente a nove anni dalla sua morte. Un grande atto di amore per il suo Messico dalle molte anime, costruito sui manoscritti spagnoli e altre fonti storiche di Paolo Pegoraro

Leggi
(1) 2 »
IN EDICOLA
SPECIALI NEWS
DOSSIER








Domenica delle Palme. Papa: "siamo Maria o Giuda?"
Web Radio
I Documenti della Diocesi
Web
Vicariatus Urbis
Vicariatus Urbis
FISC - Federazione Italiana Settimanali Cattolici
Avvenire.it
Radio Vaticana - 105 live
TV 2000
Radio inBlu


Esposte 60 opere, dal 1848 al 1914; il periodo che annovera esempi eccellenti di accademismo, realismo, naturalismo, impressionismo, simbolismo e post impressionismo di Francesca Romana Cicero
La scommessa è stata quella di coniugare le logiche della spettacolarità americana con le suggestioni derivate dal fascino di tornare a occuparsi del destino dell’uomo nella logica dell'«amore» che vincedi Massimo Giraldi
"Fiori per me che profumo", scritto dal sacerdote congolese parroco in Toscana, è un viaggio senza sconti negli anfratti dell’anima, un impasto tra romanzo di genere e indagine esistenziale di Paolo Pegoraro
All'Oratorio del Gonfalone (nella foto) la "Victoria Passionis Christi" di Francesco Foggia. All'Accademia di Romania le note di Couperin. A Santa Cecilia la "Petite Messe Solennelle" proposta da Pappano di Mariaelena Finessi