Monsignor Perego è il nuovo arcivescovo di Ferrara-Comacchio

Monsignor Perego è il nuovo arcivescovo di Ferrara-Comacchio

Condividi

Lo ha nominato Francesco, accettando la rinuncia al governo pastorale di monsignor Luigi Negri. Originario del Cremonese, ha diretto finora la Fondazione Migrantes

Il direttore generale della Fondazione Migrantes Gian Carlo Perego è il nuovo arcivescovo di Ferrara-Comacchio. Lo ha nominato questa mattina, mercoledì 15 febbraio, Papa Francesco, accettando la rinuncia al governo pastorale dell’arcidiocesi presentata da monsignor Luigi Negri. Originario di Vailate (Cremona), classe 1960, Perego si è formato nel Seminario diocesano di Cremona, conseguendo la licenza in Teologia sistematica nella Facoltà teologica dell’Italia Settentrionale; nel 1996 si è laureato in Teologia alla Pontificia Università Gregoriana. Ordinato sacerdote il 23 giugno 1984, è stato incardinato nella diocesi di Cremona, per la quale è stato vicario parrocchiale di San Giuseppe al Cambonino dal 1984 al 1992; segretario particolare di monsignor Giulio Nicolini dal 1993 al 1994; direttore della Caritas diocesana dal 1997 al 2002; vicedirettore della Caritas nazionale e responsabile del Centro studi e dell’Archivio storico dal 2002 al 2009.

È stato, inoltre, segretario particolare di monsignor Enrico Assi dal 1984 al 1992, insegnante nel Seminario diocesano di Cremona dal 1996 al 2002; docente all’Università Cattolica del Sacro Cuore – Sede di Cremona dal 1996 al 2002; assistente diocesano del Meic dal 1997 al 2003 e assistente spirituale della Fuci dal 1997 al 2002. Dal 2009 è insegnante di Teologia dogmatica alla Lumsa, oltre che direttore generale della Fondazione Migrantes. Dal 2012 al 2016 è stato consultore del Pontificio Consiglio della pastorale per i migranti e gli itineranti. Dal 30 aprile 2009 è Cappellano di Sua Santità. Ha pubblicato la sua tesi di laurea: “Un ministero tutto spirituale. La teologia del ministero ordinato nel giansenismo lombardo tra Illuminismo e Liberalismo (1755-1955)”. È direttore della rivista “Migrantes” e ha dato alle stampe diversi articoli e scritti di altro genere.

15 febbraio 2017