L'informazione della Diocesi di Roma

Prevenzione, al via l’Ottobre rosa della Regione Lazio

Per tutto il mese, il programma di screening contro il tumore al seno esteso anche alle donne al di fuori delle fasce a rischio. 40 le strutture aderenti

Per tutto il mese, il programma di screening contro il tumore al seno esteso anche alle donne al di fuori delle fasce a rischio. 40 le strutture sanitarie aderenti

400 carcinomi identificati. È il risultato dell’edizione 20014 delle campagne di screening per la prevenzione del tumore al seno promosse dalla Regione Lazio, che anche quest’anno ripropone l’Ottobre rosa, proprio per sottolineare l’importanza della diagnosi precoce di queste patologie. Il cancro al seno infatti è «la più frequente malattia sia in termini di decessi  che di nuovi casi registrati», spiegano dalla Regione, e per contrastarla l’amministrazione regionale garantisce tutto l’anno percorsi di prevenzione e di diagnosi e cura appropriati, secondoi dettami del ministero della Salute.

Nel mese di ottobre però l’offerta di screening si alalrga a tutte le donne, anche quelle che non rientrano nella fascia di età 50-69, che rappresenta il target dei percorsi ordinari. Si parla quindi delle donne tra i 45 e i 49 anni e di quelle tra i 70 e i 74, che potranno recarsi oltre che nei centri di screening anche nelle 40 strutture sanitarie che hanno aderito all’iniziativa, mettendo a disposizione sedute dedicate per effettuare  mammografie di prevenzione.

Disponibili, nelle strutture sanitarie della regione, locandine e opuscoli informativi, che indicano anche i numeri verdi aziendali ai quali fare riferimento per essere inseriri nel percorso di prevenzione più indicato, non solo nel mese di ottobre. Tra le patologie prese in considerazione, oltre al tumore della mammella c’è anche quello della cervice uterina e del colon retto. Per accompagnare la campagna, durante tutto il mese sarà illuminato di rosa, a cura dell’Acea, il palazzo della Regione, in viale Cristoforo Colombo.

Per informazioni è possibile consultare il sito della Regione Lazio.

1° ottobre 2015