L'informazione della Diocesi di Roma

Settimana sociale 2017, il messaggio dei vescovi sardi

In una nota, la Conferenza episcopale sarda: «Il lavoro è sempre al servizio dell’uomo e la dignità della persona umana non è mai calpestabile»

«Come cristiani non possiamo dimenticare che il lavoro è sempre al servizio dell’uomo e non il contrario, e che la dignità della persona umana, che passa anche dal lavoro, non è mai calpestabile». È quanto affermano i vescovi della Conferenza episcopale sarda in un messaggio in vista della 48ª Settimana sociale dei cattolici italiani che si svolgerà a Cagliari dal 26 al 29 ottobre. I vescovi invitano «tutti a non perdere questa occasione: anche noi possiamo contribuire ad “aprire processi” positivi utili a superare i problemi spesso drammatici del mondo del lavoro e ad affrontare con speranza le prospettive future».

Nel messaggio ricordano che «a pochi mesi dal pellegrinaggio di Papa Francesco a Bonaria nel settembre 2013, vi abbiamo indirizzato la lettera pastorale “Un cammino di speranza per la Sardegna” su alcuni urgenti problemi sociali e del lavoro». «Da allora – rilevano i vescovi – abbiamo continuato ad accompagnare premurosamente l’evoluzione delle tante situazioni di crisi che purtroppo periodicamente si ripresentano nelle diverse realtà industriale, agro-pastorale e in tutti gli ambiti lavorativi della nostra Regione».

L’impegno che ha coinvolto le diocesi sarde nell’anno di preparazione alla Settimana sociale «dovrà continuare anche dopo il convegno di Cagliari. Vogliamo aprire lo sguardo non tanto ai numeri e alle statistiche, ma alle persone, alle vite concrete, alle speranze oltre che alle delusioni, con attenzione alla dignità di ognuno e alla solidarietà – aggiungono i vescovi -, prendendo coscienza delle presenti criticità, ma anche guardando con attenzione alle esperienze lavorative e alle buone pratiche esistenti. Chiediamo a tutte le nostre comunità cristiane, a tutte le persone di buona volontà e in particolare a chi ha doveri istituzionali, di aprirsi concretamente a questo impegno e – concludono – di accompagnare con responsabilità, nella preghiera e nella riflessione, la Settimana sociale».

 

5 ottobre 2017