L'informazione della Diocesi di Roma

Una “Notte Sacra” per una «movida spirituale»

In Vicariato presentata l’iniziativa che coinvolgerà decine di chiese romane tra sabato 27 e domenica 28 tra canti, musica e preghiera

In Vicariato presentata l’iniziativa che coinvolgerà decine di chiese romane tra sabato 27 e domenica 28 tra canti, musica e preghiera. Branduardi: «Musica e spiritualità insieme»

Una notte di speranza, di musica, di gioia e di fede. La “Notte Sacra” in programma a Roma dalla sera di sabato 27 maggio alla mattina di domenica 28 è tutto questo. Otto gli eventi in calendario tra concerti, letture e catechesi in varie chiese e palazzi nel cuore della Capitale. Promosso dalla diocesi di Roma, con la collaborazione dell’Opera Romana Pellegrinaggi e il patrocinio di Roma Capitale, l’evento è stato presentato questa mattina, giovedì 18 maggio, nell’aula della Conciliazione del Vicariato. Organizzata per la prima volta a Roma, la “Notte Sacra” nasce a Cortona dove, da 13 anni, si svolge il Festival di musica sacra ideato da monsignor Marco Frisina, che ne cura la direzione artistica, dal compositore Marcello Bronzetti e la violinista Tina Vasaturo.

Per oltre dodici ore i partecipanti potranno immergersi nei luoghi in cui hanno vissuto sant’Ignazio di Loyola, san Filippo Neri, santa Caterina, san Luigi da Gonzaga e tanti altri testimoni della cristianità. La “Notte Sacra” prenderà il via alle 18.30 nella basilica di San Giovanni Battista dei Fiorentini con la recita dei vespri solenni della vigilia dell’Ascensione, animati dalla Cappella musicale di Santa Maria in Campitelli diretta dal maestro Vincenzo Di Bella. Sempre nella chiesa di via degli Acciaioli, alle 20, si terrà il concerto di Angelo Branduardi.

Alle 21.45 nella basilica di Sant’Andrea della Valle si svolgerà un incontro con padre Maurizio Botta, sacerdote della Congregazione dell’Oratorio di San Filippo Neri e viceparroco di Santa Maria in Vallicella (Chiesa Nuova) e a seguire il Coro della diocesi di Roma e l’Orchestra Fideles et Amati, diretti da monsignor Frisina, eseguiranno l’oratorio sacro “Paradiso, Paradiso”, ispirato alla vita di san Filippo Neri, con la voce recitante di Giovanni Scifoni. All’una ci si sposterà nella chiesa di Sant’Ignazio di Loyola dove si terrà il concerto “Altissima luce. Il Laudario di Cortona” reinterpretato in chiave jazz da Paolo Fresu, Daniele Di Bonaventura, Marco Bardoscia e Michele Rabbia insieme all’Orchestra da Camera di Perugia e al gruppo vocale Armoniosoincanto diretto da Franco Radicchia.

Si proseguirà alle 2.30 con il coro gospel Soul Singers, diretto da Paola Laudano, nel Palazzo Maffei Marescotti (Palazzo del Vicariato Vecchio), dove l’attore Sebastiano Somma leggerà testi dell’Evangelii gaudium. Alle 4, nella chiesa delle Stimmate a largo Argentina, è in programma un incontro con il direttore del Servizio diocesano per le vocazioni don Fabio Rosini. Quindi alle 5.30, nella basilica di Santa Maria sopra Minerva, è previsto il concerto “Musica sacra in un Minuscolo Spazio Vocale” diretto da Dodo Versino, e alle 6.30 l’attrice Maddalena Crippa, accompagnata al clavicembalo da Osvaldo Guidotti, leggerà gli scritti di santa Caterina da Siena scelti da don Paolo Ricciardi, parroco a San Carlo da Sezze.

La lunga notte di preghiera si concluderà alle 8 con la recita delle lodi e la Messa, presieduta dal vescovo Gianrico Ruzza nella Chiesa del Gesù. Animerà la Messa la Schola Cantorum Santa Maria degli Angeli. Al termine della celebrazione sul sagrato della chiesa sarà offerta la colazione ai senza fissa dimora che dormono in zona. Inoltre, sempre alle Stimmate, sarà possibile fermarsi per l’adorazione eucaristica dalle 20 alle 4, mentre a Santa Maria in Vallicella sarà possibile confessarsi dalle 20 alle 24.

Angelo Branduardi per l’occasione ha preparato una scaletta “inedita”, una decina di brani tratti, per lo più, dall’album “L’infinitamente piccolo”, pubblicato nel 2000, nel quale mette in musica la vita di San Francesco d’Assisi. «Un evento nuovo per Roma che mette in evidenza il connubio che esiste tra musica e spiritualità. Si tratta di una movida di tipo diverso nella quale proporrò il mio repertorio francescano ma non sarà risparmiato nulla, neanche “La fiera dell’Est”».

«Questo evento vuole essere una nuova proposta per vivere la notte – ha affermato il vescovo ausiliare per il settore Centro monsignor Gianrico Ruzza –. Una notte di eventi che vuole mettere in evidenza la bellezza dell’arte a servizio della spiritualità e che vuole proporre un modo nuovo per vivere il sabato sera nel cuore della movida .ai giovani, in particolare, vorremmo dire che si può gustare la bellezza attraverso il nostro patrimonio». Per il vice sindaco di Roma Capitale e assessore alla Crescita culturale, Luca Bergamo, «l’evento, organizzato nei luoghi solitamente ostaggio delle automobili, offre un grande contributo allo sviluppo civile di Roma».

Questa prima edizione della “Notte Sacra” vuole essere «l’inizio di un cammino che deve diventare sempre più grande e più bello che nasce al centro di Roma ma che con il tempo intende coinvolgere anche le periferie» ha aggiunto monsignor Liberio Andreatta amministratore delegato dell’Opera romana pellegrinaggi. Monsignor Marco Frisina, direttore del Coro della diocesi di Roma e maestro della Pontificia Cappella musicale lateranense, nell’illustrare tutte gli eventi in programma ha rimarcato che sarà una notte «in cui gioire con il cuore. Un’esperienza fatta di luce nella notte, di piccole cose estremamente toccanti».

L’evento è stato realizzato anche grazie al contributo di Euroma2 che «da tempo ha scelto di dedicare le sue risorse per iniziative di carattere educativo e sociale» ha spiegato il presidente Davide Maria Zanchi. La manifestazione sarà presentata dalla conduttrice Rai Francesca Fialdini che ha voluto rivolgere un invito alla cittadinanza a partecipare «perché un evento che può sembrare per pochi è in realtà una grande occasione per tutti per riscoprire la bellezza della nostra città». Dello stesso parere l’attore Sebastiano Somma che mette in evidenza come l’evento avrà un valore aggiunto «nella bellezza che Roma offrirà in ogni suo passaggio».

18 maggio 2017