San Pietro, albero di Natale in arrivo dalla Calabria e presepe da Verona

I due “doni” adorneranno la piazza. L’abete, 25 metri d’altezza, è offerto dalla provincia di Catanzaro; il presepe, ispirato al mondo della lirica, dalla Fondazione Arena di Verona. L’illuminazione il 19 dicembre

Un abete bianco di 25 metri d’altezza. È il dono della provincia di Catanzaro a Papa Francesco per il Natale 2015. L’albero, che adornerà piazza San Pietro durante il tempo di Natale, arriverà a Roma nella notte del 4 dicembre, trasportato a valle dalla zona montana calabrese di Passo dell’Abate, nel comune di Fabrizia in provincia di Vibo Valentia, da un elicottero; quindi sarà caricato in un tir, che raggiungerà la Capitale scortato dalla Polizia. A innalzarlo sulla piazza sarà il personale della direzione dei servizi tecnici e del servizio giardini del Governatorato vaticano; successivamente si provvederà alla messa in sicurezza e alla decorazione.

«Doniamo l’albero al Papa come auspicio di speranza per un futuro di crescita e di pace – afferma in una nota la Provincia di Catanzaro, con il presidente Vincenzo Bruno -. Verranno donati anche altri alberi più piccoli, destinati agli uffici della Santa Sede. La nostra comunità, inoltre, offrirà a Papa Francesco un dono frutto della maestria dei propri artigiani e alcuni prodotti tipici calabresi che costituiscono le eccellenze del nostro territorio». L’abete che sarà innalzato davanti alla basilica di San Pietro ha un’età stimata di 70 anni e una particolarità: il tronco principale ha infatti un tronco “gemello” in quanto si tratta di fatto di due tronchi uniti. È alto 25,5 metri per un diametro di 55 centimetri, una larghezza massima della chioma di circa 10 metri per un peso stimato in 80 quintali.

Accanto all’albero, ci sarà, come sempre, il presepe, dono, quest’anno, della Fondazione Arena di Verona, in collaborazione con la diocesi. “Il Presepe in Opera”: questo il titolo dell’installazione, che trae ispirazione dal mondo della lirica e sarà costruito con la scenografia dell’opera di Gaetano Donizetti “Elisir d’Amore” creata dallo scenografo Francesco Canessa. In tutto, 20 statue di terracotta a grandezza naturale, con vestiti e accessori in grado di affrontare le intemperie anche senza copertura, distribuite su una superficie di 24 metri per 12. Altezza complessiva: 8 metri.«Sarà un modo singolare per promuovere la nostra stagione lirica, autentico volano dell’economia turistica e culturale veronese», sottolineano dalla Fondazione.

Albero e presepe saranno illuminati contemporaneamente, alle 16.30 del 19 dicembre, nel giorno in cui il pontefice riceverà in udienza le due delegazioni delle istituzioni donatrici.

25 novembre 2014