A Santa Maria della Pietà “Musei, memorie e narrazioni per la salute mentale”

Una due giorni dedicata alle esperienze che realizzano un nuovo modo di leggere e comunicare il disagio psichico, promuovendo conoscenza e benessere

Condividere le esperienze che contribuiscono a realizzare un nuovo modo di leggere e comunicare il disagio psichico, promuovendo conoscenza e benessere, per un modello di tutela attiva del patrimonio culturale. Questo l’obiettivo della due giorni in programma da domani, 7 novembre, fino al venerdì 8, nel Parco di Santa Maria della Pietà, attraverso la quale prosegue il programma di collaborazione tra il Museo Laboratorio della Mente della Asl Roma 1 e il Museo del Manicomio (San Servolo Servizi Metropolitani di Venezia), avviato nel 2018.

Sul tavolo, i temi della conservazione, interpretazione e valorizzazione del materiale contenuto negli ex ospedali psichiatrici, a partire dal quale sviluppare azioni che coinvolgono servizi socio-sanitari, scuole, enti locali e risorse culturali (archivi, biblioteche, festival e incontri per la salute mentale) per trasformare parchi urbani, architetture, piazze, strade in luoghi di promozione di benessere, coesione sociale e appartenenza.

Il convegno si concluderà quindi con la firma dell’accordo di collaborazione denominato “Mente in Rete” – ideato e già sottoscritto dal Museo Laboratorio della Mente (Asl Roma 1) e dal Museo del Manicomio di Venezia (San Servolo) – da parte della Ausl Toscana sud-est, Ausl Modena, Ausl Reggio Emilia, Asst Grande Ospedale Metropolitano Niguarda Milano, Asl  Salerno, Asl TO3 Collegno, Asl Rieti e dalla Fondazione CeRPS Nocera Inferiore (Salerno), consolidando il network e sviluppando la programmazione delle iniziative.

6 novembre 2019