Alla Gregoriana tre giornate di studio su Paolo VI

Dedicate all’uomo, al sacerdote e al vescovo di Roma Giovanni Battista Montini, che frequentò l’ateneo negli anni 1920-1922, le conferenze al via il 18 ottobre. Al via anche un ciclo sul futuro dei diritti umani

In occasione della canonizzazione di Paolo VI, il 14 ottobre, l’Istituto di spiritualità della Pontificia Università Gregoriana dedica tre giornate di studio a tracciare un ritratto spirituale di Giovanni Battista Montini, che frequentò l’ateneo di piazza della Pilotta  negli anni 1920-1922 (Filosofia e Diritto canonico). L’obiettivo è quello di fornire un immagine ad ampio spettro dell’uomo, del sacerdote e del vescovo di Roma, spiegano dalla Gregoriana.

“Paolo VI. Ritratto spirituale di Giovanni Battista Montini”: questo il tema che fa da filo conduttore agli appuntamenti. Si comincia il 18 ottobre alle 16, con un incontro dedicato alla formazione umana e spirituale di Montini, condotto dai professori gesuiti Sandro Barlone e Mihály Szentmártoni. Giovedì 15 novembre toccherà ai professori Fabrizio Pieri ed Emilio González Magaña indagare il sacerdote Montini e la sua visione intellettuale e spirituale. Giovedì 13 dicembre, infine, i professori Paolo Morocutti e Rossano Zas Friz De Col approfondiranno la mistica oggettiva ed ecclesiologia del Montini vescovo di Roma.

Sempre il 18 ottobre prenderà il via anche un ciclo di conferenze su “Il futuro dei diritti umani”, a 70 anni dalla Dichiarazione del 1948, promosso dalla facoltà di Scienze sociali e dal dipartimento di Teologia morale. Un’iniziativa voluta per commemorare la Dichiarazione  universale dei diritti dell’Uomo promulgata nel 1948, «alla quale la Chiesa diede pieno sostegno proprio grazie all’apporto decisivo di Paolo VI», spiegano gli organizzatori. E citano le parole scritte da Papa Montini il 10 dicembre 1973: «La Santa Sede dà il suo pieno appoggio morale all¹ideale comune contenuto nella Dichiarazione Universale, come anche alla progressiva affermazione dei diritti umani che si esprimono in essa».

Il testo della Dichiarazione universale dei diritti dell’Uomo verrà approfondito in due sezioni. Dopo alcune lezioni intese a offrire un’introduzione storica (18 ottobre 2018), filosofica (15 novembre) e teologica (13 dicembre), si affronteranno i sei capisaldi del documento, letti con un¹ottica continentale e interdisciplinare: potere e populismi (10 gennaio 2019), welfare e salute (21 febbraio), diritto dei popoli alla pace (14 marzo), diritti civili e movimenti popolari (11 aprile), libertà religiosa (2 maggio), infine ambiente e diritti umani (23 maggio). Ogni lezione – con inizio alle ore 17 – sarà condotta da due relatori e seguita da dibattito. L’accesso è libero, previa registrazione obbligatoria (leggi il programma completo e le modalità di registrazione).

Per informazioni: spiritualita@unigre.it, tel. 06.67015186.

11 ottobre 2018