Anziani non autosufficienti, Forum terzo settore: «Decreto da migliorare»

La portavoce Pallucchi: «Necessario che si dia spazio alla massima condivisione con tutte le istituzioni coinvolte, affinché la riforma sia all’altezza del progetto originario»

«La riforma dell’assistenza agli anziani e alle persone non autosufficienti, riguardando complessivamente ben 10 milioni di italiani, rappresenta un passo fondamentale nella direzione di un welfare di qualità e maggiormente inclusivo». Lo afferma il Forum terzo settore, che però, dopo aver salutato con favore la legge delega varata lo scorso anno, e alla luce del decreto attuativo recentemente approvato dal Consiglio dei ministri, ritiene «necessario che si dia spazio alla massima condivisione con tutte le istituzioni coinvolte, comprese le Regioni, e con il Terzo settore, affinché – precisa la portavoce Vanessa Pallucchi – la riforma abbia un significativo impatto sulla vita materiale delle persone e delle famiglie a cui è indirizzata, e sia effettivamente all’altezza del progetto originario. Auspichiamo quindi quanto prima un confronto con il Parlamento, il governo e i ministeri competenti».

Nell’analisi di Pallucchi, «il testo del decreto che stiamo attentamente esaminando contiene infatti elementi sicuramente positivi ma, anche in considerazione delle risorse non adeguate attualmente previste, non sembra avere la portata attesa per anziani, non autosufficienti e loro familiari. Pensiamo, in particolare, alla necessità di realizzare l’integrazione sociosanitaria e di dare maggiore e diverso respiro alla nuova prestazione universale, per evitare che si limiti a raggiungere solo una ristrettissima platea di beneficiari. Su questi e altri fronti, il Forum terzo settore offrirà volentieri il proprio contributo in termini di visione, competenza ed esperienza sui territori», conclude.

8 febbraio 2024