Apertura notturna per i Musei Vaticani

Per la prima volta, il 24 luglio prossimo, sarà possibile visitare lo spazio espositivo dalle 19 alle 23. Il direttore Paolucci: «Un modo per riconsegnare la struttura ai romani» di Giulia Rocchi

Passare una serata tra amici ammirando gli affreschi della Cappella Sistina. E sostare nel Cortile Ottagono alla luce della luna. Sarà possibile farlo il 24 luglio prossimo quando, per la prima volta, i Musei Vaticani resteranno aperti in orario notturno, dalle 19 alle 23 (ultimo ingresso ore 21.30; obbligatoria la prenotazione on line su mv.vatican.va). «Vogliamo offrire ai cittadini la possibilità di godere del proprio museo – spiega il direttore dei Musei Antonio Paolucci –, da cui in qualche modo si sentono espropriati dai turisti e dagli stranieri. È infatti raro che un fiorentino o un parigino, motivato da ragioni di pura curiosità e di puro piacere, faccia la coda agli Uffizi o al Louvre, in mezzo alle comitive giapponesi e americane. E invece la nostra apertura straordinaria è un modo per dire alla gente comune: i Musei Vaticani sono vostri!».

Durante la serata, infatti, le Gallerie degli Arazzi e delle Carte Geografiche non saranno gremite di gruppi dei tour organizzati. «Mi auguro che ci saranno i romani – dice Paolucci –, le famiglie, i fidanzati, gli amici, le singole persone che vorranno concedersi il lusso di un’esperienza speciale». Esperienza che, forse, si potrà ripetere anche in futuro. «Quello di venerdì prossimo sarà un esperimento – precisa il direttore dei Musei Vaticani – e se funziona vorremo sicuramente ripeterlo». Magari in altre date durante questa estate 2009, o l’anno prossimo in serate ancora da definire.

21 luglio 2009

Potrebbe piacerti anche