Con l’Ufficio liturgico il corso per fotografi

L’obiettivo delle lezioni è educare professionisti e appassionati del settore a mantenere un atteggiamento non invasivo durante le celebrazioni di Giulia Rocchi

Scattare fotografie durante un matrimonio o un battesimo senza interferire con lo svolgimento della celebrazione. Lo impareranno i partecipanti al corso per fotografi e cineoperatori organizzato dall’Ufficio liturgico diocesano, al via martedì 25 e in programma fino al 25 febbraio.

A guidare gli incontri Cristian Gennari, fotografo della nostra testata, di Avvenire e dell’Agenzia Sir. «Questo corso ha l’obiettivo di educare i fotografi a mantenere un atteggiamento adeguato a una funzione liturgica – spiega Gennari -. Far conoscere come è composta l’aula liturgica, ad esempio, è importante perché i fotografi imparino a rispettare il luogo di culto: devono sapere che il presbiterio è uno spazio riservato ai sacerdoti, e non possono accedervi. Tutto ciò aiuta e arricchisce il lavoro del fotografo».

L’iniziativa di formazione è aperta non solo a professionisti ma anche agli appassionati del settore. In programma quattro incontri, sui temi: “La chiesa luogo della celebrazione”; “La celebrazione dell’iniziazione cristiana”; “Il rito del matrimonio”; e infine un incontro tecnico sull’utilizzo non invasivo delle apparecchiature. Nessun esame né attestati per i partecipanti, il cui nominativo sarà però inserito sul sito dell’Ufficio liturgico diocesano: un riconoscimento che si tratta di fotografi «di fiducia».

Le lezioni svolgono il martedì dalle 19 alle 21 nella sala conferenze del Seminario Maggiore. Info: www.ufficioliturgicoroma.it.

25 gennaio 2011

Potrebbe piacerti anche