Il “sì” del Campidoglio al Museo della Shoah

Nascerà a Villa Torlonia lo spazio per ricordare lo sterminio degli ebrei durante la Seconda guerra mondiale. Da Rutelli la proposta di dedicare la stazione Tiburtina al 16 ottobre 1943 di Nicolò Maria Iannello

Shoah, iniziative a Casa della Memoria
Gli studenti romani e il ricordo della Shoah

Mentre da una settimana ormai a Roma si ricordano le vittime dell’Olocausto, al centro di numerose riflessioni che hanno coinvolto studenti, scuole, e la cittadinanza, ieri, giovedì 26 gennaio, l’Assemblea Capitolina ha approvato all’unanimità il progetto definitivo del Museo della Shoah, che sorgerà a Villa Torlonia.

Un luogo che «non sarà un monumento inerte alla memoria – ha dichiarato Dino Gasperini, assessore alle politiche culturali di Roma Capitale – ma un centro vivo di trasmissione di ricordi e di valori, per combattere l’indifferenza, avere più compassione e rispettare sempre la dignità di tutti». Sarà uno spazio «per perpetuare una dura verità fatta di un trauma insuperabile, che alimenterà la consapevolezza che l’orrore si può sconfiggere in un solo modo. Ricordare, non dimenticare mai».

Dal consigliere comunale Francesco Rutelli intanto è arrivata la proposta di intitolare la stazione Tiburtina al 16 ottobre del 1943, giorno della deportazione degli ebrei dal Ghetto di Roma, «perché da lì è partita una delle pagine più tragiche della storia della città, da lì sono partiti i vagoni della morte diretti ad Auschwitz». Un’idea che è stata considerata plausibile anche dal sindaco Gianni Alemanno, dalla governatrice del Lazio Renata Polverini e dal presidente della Provincia Nicola Zingaretti.

E oggi, Giornata della Memoria, le celebrazioni ufficiali sono iniziate alle nove in Campidoglio, dove il sindaco Gianni Alemanno ha accolto nella Protomoteca gli oltre 300 alunni delle scuole superiori accompagnati dai docenti per vedere il recital “Anche queste due mani vengono con me”, una rappresentazione basata sulla vita dell’artista viennese Figenstein, internato in Italia nel campo di concentramento di Ferramonti Tarsia.

Sempre oggi al Quirinale si svolgerà anche la premiazione del concorso nazionale “I giovani ricordano la Shoah”, rivolto agli studenti delle scuole e che ha per oggetto la produzione di elaborati di tipo storico-documentale o artistico-letterario, come ricerche, saggi, articoli di giornale, rappresentazioni teatrali, opere di pittura e scultura, attività musicali, cortometraggi che abbiano come tema gli eventi tragici che hanno segnato la storia europea del ‘900.

Altri appuntamenti sono previsti alla Casa della Memoria e della Storia di Trastevere, che proporrà delle iniziative fino a martedì 30 gennaio. Il programma è consultabile on line sul sito del museo.

27 gennaio 2012

Potrebbe piacerti anche