La Via Crucis degli Scout: dal Laterano a Santa Croce

Dedicata al tema “Cristo è la via” la IV edizione della processione, dalla Cattedra del Papa fino alle reliquie della Croce di Cristo di I. S.
La catechesi del Papa di mercoledì 29 marzo

“Cristo è la via”. Questo è il tema del 2006 per la quarta edizione della Via Crucis degli Scout, in programma per il 31 marzo alle 20.45, organizzata dalla compagnia di San Giorgio – associazione di adulti Scout – in collaborazione con i monaci Cistercensi di Santa Croce in Gerusalemme, l’Agesci e la federazione laziale degli Scout d’Europa. La processione si snoderà dal sagrato della basilica di San Giovanni in Laterano alla basilica di Santa Croce in Gerusalemme e sarà guidata dal vescovo ausiliare del settore Centro, monsignor Ernesto Mandara. Il tema di quest’anno, come spiegano gli organizzatori «è stato scelto per stimolare l’approfondimento della spiritualità scout, che è la spiritualità del cammino, e comprendere meglio come solo seguendo Gesù si possa vivere pienamente il proprio ideale e dare senso alla propria vita».

La Via Crucis vuole rinnovare una tradizione che per secoli, fino al 1870, voleva che nei venerdì di quaresima il popolo romano, in processione, percorresse lo stesso itinerario, partendo dall’antica sede del Papa fino ad arrivare alla basilica che custodisce le reliquie della Passione di Cristo. Inoltre la Via Crucis sarà vissuta in comunione con i cristiani di Terra Santa e per questo i testi biblici scelti per le letture di ogni stazione sono quelli usati dai padri francescani per la processione che si svolge sulla Via Dolorosa.

Gli scout che parteciperanno alla Via Crucis saranno vestiti con costumi d’epoca da loro stessi confezionati, grazie ai quali potranno calarsi nei panni di coloro che accompagnarono Gesù fino al Calvario. Prevista la partecipazione di almeno 700 “divise”. In caso di pioggia la processione si svolgerà all’interno della basilica di Santa Croce in Gerusalemme.

Per informazioni tel.: 06.3243265.

30 marzo 2006

Potrebbe piacerti anche