Azione cattolica: la quarantena, “Un tempo da abitare”

La proposta del settore Adulti: una serie di video, online su Youtube e sui canali social, tra arte e fede, all’insegna dell’«imprevisto»

“Un tempo da abitare… nell’imprevisto” è l’iniziativa che il settore Adulti dell’Azione cattolica di Roma ha voluto proporre per questo tempo di quarantena: una serie di video, diffusi tramite Youtube e i canali social, che, come visite culturali virtuali, intendono coniugare arte e fede. Immersioni nella bellezza, guidate dall’archeologa Carla Vaudo dell’associazione culturale Flumen, alla scoperta di volta in volta di un’opera d’arte che possa interrogare sul tema dell’imprevisto.

L’idea dell’iniziativa, partita nelle prime settimane di quarantena, «è nata dal tema proposto quest’anno agli adulti di Ac – spiega Chiara Sancin, responsabile, con Marco di Tommasi, del settore Adulti diocesano. – Il percorso associativo ci sta invitando ad affrontare la dimensione del tempo nelle sue varie declinazioni. E nel mese di marzo ci era richiesto proprio di interrogarci sull’imprevisto e su come poterlo abitare». Così è nato il primo video, dedicato al celebre dipinto di Caravaggio “La vocazione di san Matteo”, che sottolinea come «dall’imprevisto, dominante in quest’avvenimento, e che sembra inizialmente scompigliare tutto, nasce un tempo di grazia che porta i suoi frutti nelle scelte fondamentali della vita». Questa la chiave di lettura offerta anche per l’opera presentata nel secondo video, “L’annunciazione di Recanati” dell’artista cinquecentesco Lorenzo Lotto: «L’annuncio a Maria è un evento imprevisto che irrompe nella dimensione umana e quotidiana ma cambia la storia ed è quindi un momento buono, fecondo, favorevole».

Gli interventi dei video, che hanno raggiunto quasi mille visualizzazioni con una risonanza anche al di fuori della diocesi di Roma, sono stati «trascritti, rielaborati in una scheda e corredati da domande per stimolare la riflessione e il confronto», racconta ancora la responsabile. «L’intenzione è di offrire uno strumento che possa raggiungere tutti e possa rappresentare uno spunto per la meditazione personale e la discussione in gruppi». Per questo motivo, tra l’altro, grazie alla collaborazione dell’interprete Lis Mariangela Peduto, socia dell’Azione cattolica di Latina, è stato avviato il progetto per arricchire i video della traduzione nella lingua dei segni.

Accanto a questa iniziativa, per tutto il periodo di quaresima fino a Pasqua, il settore adulti di Ac ha voluto inoltre proporre dei video più brevi con un commento settimanale sul Vangelo della domenica, spiegato tramite un’opera d’arte da un’altra socia, la guida turistica Monica Panizzoli. In entrambe le iniziative, l’auspicio è che, grazie all’evocativo connubio di fede e arte, si possa cogliere anche quello che stiamo vivendo come «un tempo da non lasciare andare ma da abitare – conclude Sancin – : l’imprevisto è in realtà “kairos”, tempo favorevole, in cui siamo chiamati a valorizzare ciò che nella ferialità diamo per scontato e a riscoprire ciò che è essenziale, per gustare con profondità le potenzialità che abbiamo attorno a noi».

17 aprile 2020