Commissione Ue: nuova task force per l’energia

Istituita la piattaforma energetica dell’Unione, «per coordinare le misure volte a garantire l’approvvigionamento energetico comune», realizzando l’obiettivo di RePoweEu: diversificare

«Fornire supporto alla piattaforma energetica dell’Ue e attuare l’obiettivo RePowerEu di diversificazione dell’approvvigionamento». Questi gli obiettivi con i quali la Commissione europea ha istituito ieri, 25 maggio, una nuova task force all’interno della sua direzione generale dell’Energia. A seguito di un mandato del Consiglio europeo del marzo 2022, la Commissione e gli Stati membri hanno istituito la piattaforma energetica dell’Unione «per coordinare le misure volte a garantire l’approvvigionamento energetico comune, anche attraverso l’acquisto comune volontario di gas, Gnl e idrogeno».

La nuova task force contribuirà a realizzare l’obiettivo di RePowerEu «di ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili russi», consentendo agli Stati membri e ai paesi vicini di avere accesso a forniture di energia alternativa a prezzi accessibili nei prossimi anni. Lo ha spiegato il commissario per l’Energia Kadri Simson: «Nel nostro piano RePowerEu abbiamo delineato come l’Europa può sbarazzarsi dei combustibili fossili russi. Ora ci stiamo dando gli strumenti per realizzarlo. È giunto il momento di diversificare le nostre forniture energetiche e utilizzare al meglio le nostre infrastrutture – ha aggiunto -. La task force sulla piattaforma energetica contribuirà alla sicurezza e all’indipendenza energetica dell’Europa».

26 maggio 2022