Coronavirus, Francesco: impariamo che nessuno si salva da solo

Il messaggio al Forum di “European House – Ambrosetti”: «Dall’esperienza della pandemia tutti stiamo imparando che nessuno si salva da solo»

«Dall’esperienza della pandemia tutti stiamo imparando che nessuno si salva da solo». Lo dice Papa Francesco in un messaggio inviato ai partecipanti al Forum di “European House – Ambrosetti”. Nelle parole del pontefice, «abbiamo toccato con mano la fragilità che ci segna e ci accomuna. Abbiamo compreso meglio che ogni scelta personale ricade sulla vita del prossimo, di chi ci sta accanto ma anche di chi, fisicamente, sta dall’altra parte del mondo. Siamo stati costretti dagli eventi a guardare in faccia la nostra reciproca appartenenza, il nostro essere fratelli in una casa comune. Non essendo stati capaci di diventare solidali nel bene e nella condivisione delle risorse, abbiamo vissuto la solidarietà della sofferenza».

Bergoglio aggiunge: «A livello culturale generale tanto altro ha insegnato questa prova. Ci ha, infatti, mostrato la grandezza della scienza ma anche i suoi limiti; ha messo in crisi la scala di valori che pone al vertice il denaro e il potere; ha riproposto – con lo stare a casa insieme, genitori e figli, giovani e anziani – fatiche e gioie delle relazioni; ha costretto a fare a meno del superfluo e andare all’essenziale. Ha abbattuto le fragili motivazioni che sostenevano un certo modello di sviluppo. Di fronte a un futuro che appare incerto e difficile, soprattutto a livello sociale ed economico, siamo invitati a vivere il presente discernendo ciò che rimane da ciò che passa, ciò che è necessario da ciò che non lo è».

4 settembre 2020