Coronavirus, in America Latina e Caraibi superati i 200mila contagi

Oltre 10mila i decessi registrati. Il Paese di gran lunga più colpito in termini assoluti è il Brasile. Dati abbondantemente sottostimati in diverse aree

I dati ufficiali aggiornati a ieri, 29 aprile, parlano per America Latina e Caraibi di oltre 200mila casi registrati di Covid-19; 10.704 i decessi. I dati però, avvertono gli specialisti, appaiono in molti Paesi abbondantemente sottostimati sia per il collasso delle fragili strutture sanitarie e per i pochi temponi, sia per motivi politici. In ogni caso, il Paese di gran lunga più colpito dalla pandemia in termini assoluti è il Brasile, con 79.685 contagi e 5.513 vittime. Continua ad apparire fuori controllo la situazione a Manaus, capitale dell’Amazonas, dove anche ieri in cimitero, mentre si eseguono inumazioni anche di notte, ci sono stati momenti di tensione, con alcuni familiari che volevano aprire le bare per accertarsi che chi veniva sepolto nella fossa comune fosse davvero il proprio congiunto.

Seguono, nella classifica che riguarda quest’area, il Perù (33.931 contagi e 943 vittime), l’Ecuador (24.675 e 883), il Messico (17.799 e 1.732), il Cile (15.135 e 216), la Repubblica Dominicana (6.652 e 293), Panama (6.378 e 178), Colombia (6.211 e 278) e Argentina (4.285 e 214). Sopra i mille casi di positività anche Cuba, Porto Rico e Bolivia.

30 aprile 2020