Coronavirus: nuovo hub vaccinale nel Centro federale nuoto di Ostia

10 cabine operative per 12 ore al giorno, per una stima di 600 vaccinazioni quotidiane. L’inaugurazione con il presidente della Regione Lazio Zingaretti

Il Polo Acquatico Frecciarossa, a Ostia, apre le porte per accogliere la campagna di vaccinazione anti Covid. Ieri mattina, 3 maggio, è stato inaugurato all’interno della struttura il nuovo hub vaccinale della Regione Lazio: 10 cabine, operative per 12 ore al giorno, per una stima complessiva di 600 vaccinazioni quotidiane. Presente, accanto al governatore Zingaretti, al commissario straordinario per l’emergenza Figliuolo e alle altre autorità, anche il presidente della Federazione italiana nuoto Paolo Barelli.

In accordo con Regione Lazio e Asl Roma 3, la Federazione italiana nuoto – concessionaria del Polo Natatorio – ha individuato questa area operativa allestita nella zona ovest dell’impianto, con un grande ambiente coperto per accoglienza, triage, vaccinazione e osservazione, uffici per medici, paramedici e operatori e parcheggio scoperto. Sono stati predisposti tutti i percorsi e i locali riservati alle vaccinazioni sono del tutto separati da quelli funzionali a raduni e allenamenti degli atleti di interesse nazionale. Il centro federale infatti, attivo dal 2009, è la sede dove vivono, si formano e si allenano i grandi campioni del nuoto e della pallanuoto italiani. A loro offre una piscina olimpica scoperta da 50×25 metri e una coperta da 33 metri, entrambe divisibili con pontone mobile in due spazi d’acqua indipendenti, palestra, foresteria e locali adibiti allo svolgimento dei corsi di formazione, di convegni nazionali e congressi internazionali organizzati dalla Federazione italiana nuoto. Insieme alle attività agonistiche e pre-agonistiche federali e societarie, poi, l’impianto è anche sede di scuole nuoto e nuoto libero.

«La collaborazione tra livelli diversi dello Stato, con i territori, con chi in questo Paese produce e fa sport, è la parola d’ordine bellissima per vincere: la filosofia che sta rendendo grande questa campagna vaccinale», ha commentato Zingaretti, ringraziando la Fin «per questo bellissimo segnale, perché di fronte alla grande missione di vaccinare in breve tempo 50 milioni di italiani, la strada da percorrere era esattamente questa: chiamare a collaborare l’Italia migliore». Il presidente della Regione ha ricordato quindi «le percentuali di anziani morti solo un anno fa: la campagna ha avuto l’obiettivo di vaccinare soprattutto chi rischiava maggiormente e oggi i numeri di chi perde la vita calano».  Quindi, l’appello: «Il virus è ancora tra noi e se da un anno e mezzo questa regione è stata quella con più giorni in zona gialla è perché nonostante i risultati non smettiamo di ricordare di continuare a prestare attenzione. Anche per questo la Regione Lazio ha stanziato 3,5 milioni di euro per le spiagge sicure, così da poter andare al mare in sicurezza, senza dimenticare l’importanza dei comportamenti di tutti».

Ha parlato di «esempio di bella Italia» anche il generale Figliuolo: «La sinergia tra Federazione, Roma Capitale, Regione Lazio e tutti gli operatori della Asl Roma 3 dà un segnale importante – ha detto -: se ci vacciniamo in fretta riapre anche lo sport». Sulla stessa linea il capo dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio, secondo cui con l’hub di Ostia «parte un sistema che coinvolge lo sport ed è fondamentale per i giovani». Un «messaggio di speranza», lo ha definito l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato.

4 maggio 2021