Coronavirus: somministrate in Italia quasi 2 milioni di dosi di vaccino

Vaccinate oltre 620mila persone. Il Lazio al terzo posto per numero di somministrazioni. Approvato intanto dall’Aifa il vaccino AstraZeneca

In tutto il territorio italiano, sono 1.962.967 le somministrazioni di vaccino anti Covid eseguite; 621.579, a tutt’oggi, le persone a cui sono state somministrate la prima e la seconda dose di vaccino necessarie per la immunizzazione. Complessivamente, stando ai report diffusi dal ministero della Salute, sono 1.230.422 le somministrazioni a donne e 732.545 quelle a uomini. Ad aver ricevuto almeno la prima dose sono già in 1.397.716 tra gli operatori sanitari e socio-sanitari, 364.394 tra il personale non sanitario, 186.057 tra gli ospiti di strutture residenziali e 14.800 over 80. La fascia d’età che vede più persone sottoposte a somministrazione è quella tra i 50-59 anni (521.328) seguita da quella dei 40-49 (386.331); complessivamente gli over 60 sono 546.810.

Rispetto alle 2.324.985 dosi finora disponibili in tutta Italia (2.278.185 di Pfizer/BioNTech e 46.800 di Moderna), ne sono state inoculate l’84,4%. La Campania presenta il maggior rapporto tra somministrazioni e dosi fin qui consegnate con il 98,3%. Seguono Marche (95%) e Umbria (91,7%). La Regione che ha fatto registrate il numero maggiore di somministrazioni (300.226) in termini assoluti è la Lombardia, davanti a Emilia-Romagna (195.438) e Lazio (186.789).

Intanto – la notizia è di sabato 30 gennaio – la Commissione tecnico scientifica dell’Agenzia italiana del Farmaco (Aifa) ha approvato il vaccino di AstraZeneca, che a breve potrà quindi essere utilizzato anche in Italia.

1° febbraio 2021