Franco Anelli confermato alla guida della Cattolica

Il professore rimane rettore dell’ateneo per il quadriennio 2016 – 2020. L’impegno: «Concentrare le forze su sviluppo strategico e organizzativo»

Il professore rimane rettore dell’ateneo per il quadriennio 2016 – 2020. L’impegno: «Concentrare le forze su sviluppo strategico e organizzativo»

Dalla sede di Milano, dove si è riunito ieri, mercoledì 25 maggio, il Consiglio di amministrazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, arriva la conferma all’unanimità di Franco Anelli come rettore dell’ateno per il prossimo quadriennio 2016/17-2019/20. Una decisione che arriva dopo che, il 13 aprile scorso, i docenti dell’ateneo si erano ampiamente espressi a favore della riconferma di Anelli, designato in tutte le 12 facoltà con il consenso di circa il 90% dei votanti, pari a circa i tre quarti degli aventi diritto al voto.

Nel ringraziare il Consiglio di amministrazione che lo ha confermato alla guida della Cattolica, Anelli ha richiamato alcune delle linee strategiche che caratterizzeranno il suo impegno negli anni a venire, come si legge in una nota dell’ateneo. «Ringrazio sentitamente il Consiglio di amministrazione, il Senato accademico e tutti i docenti dell’ateneo che mi hanno confermato la loro fiducia per continuare insieme il lavoro intrapreso nel quadriennio appena trascorso – le parole del rettore -. Dopo avere compiuto un passo importante con l’impegnativo riassetto delle attività di assistenza sanitaria svolte dal Policlinico Gemelli, siamo ora nelle condizioni di concentrare le nostre forze sullo sviluppo strategico e organizzativo dell’università, a partire dall’obiettivo di realizzare, grazie al protocollo d’intesa sottoscritto per l’acquisizione della ex Caserma Garibaldi, il più grande campus urbano della città di Milano».

Nel contempo, ha assicurato Anelli, «proseguiranno gli sforzi per accelerare i processi di aggiornamento e internazionalizzazione dell’attività formativa e di ricerca, nonché per rafforzare le strutture organizzative dell’ateneo. I prossimi anni, inoltre, ci vedranno impegnati a rendere l’Università Cattolica una voce ancora più significativa nel panorama culturale italiano e internazionale».

26 maggio 2016