Gargano e Di Segni: Si può “colpire” anche con la parola