Gli auguri di Galantino a Russo: «Intelligenza, competenza e passione»

Il saluto dell’Azione Cattolica: «Rinnoviamo l’impegno di servizio alla crescita della comunità ecclesiale, per renderla sempre più esperta in umanità»

«Grazie al Santo Padre per aver provveduto a dare alla Conferenza episcopale italiana un nuovo segretario generale nella persona di mons. Stefano Russo». Così monsignor Nunzio Galantino, presidente dell’Apsa e già segretario generale della Cei, commenta al Sir la nomina di monsignor Russo: «Gli auguro che possa trasmettere e vivere questo servizio con l’intelligenza, la competenza e la passione che tutti gli abbiamo sempre riconosciuto. Ma sopratutto che, con la sua sensibilità umana e spirituale, possa aiutare i vescovi italiani a crescere come famiglia nel servizio della nostra Chiesa». «Da parte mia – conclude monsignor Galantino – anche un ringraziamento al presidente Bassetti, al presidente Bagnasco, a monsignor Crociata che mi ha preceduto e a tutti gli altri vescovi, i sottosegretari, i direttori, i dipendenti. A tutta la famiglia Cei, che è una bella famiglia. E un saluto alla famiglia di Casa assistenti, a cominciare dalle Suore oblate del Sacro Cuore di Gesù».

L’Azione Cattolica Italiana saluta, si legge in un comunicato «con grande affetto e devozione filiale la nomina di monsignor Stefano Russo, vescovo di Fabriano-Matelica, a Segretario Generale della Conferenza Episcopale Italiana, e rinnova, alla luce di quella speciale forma di ministerialità apostolica che da sempre lega l’associazione ai pastori, il proprio impegno di servizio alla crescita della comunità ecclesiale, per renderla sempre più esperta in umanità e promuoverne la presenza e l’azione nel mondo, con la testimonianza della vita, la freschezza dell’annuncio, la competenza e la coerenza dell’azione».

Come laici di Azione Cattolica «riaffermiamo, con una fedeltà che viene da lontano, gli obiettivi che l’associazione ha cercato di perseguire sin dalla sua fondazione, ribaditi e rinvigoriti dalla luce del Concilio Vaticano II. Non possiamo non rivolgere, allo stesso tempo, un pensiero di profonda gratitudine a monsignor Nunzio Galantino, oggi presidente dell’Amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica, che per intensi anni ha prestato il suo servizio alla Chiesa italiana come Segretario Generale della Cei, senza mai far mancare la sua paterna vicinanza all’associazione. A lui il grazie sincero e riconoscente della Presidenza nazionale e dell’associazione tutta, per l’impegno profuso in un tempo difficile e complesso della vita della nazione italiana e della Chiesa in Italia».

 

 

 

28 settembre 2018