Il Campidoglio a sostegno di Patrick Zaki

Il volto del giovane ricercatore dell’Università di Bologna in carcere al Cairo dal febbraio 2020 esposto per 30 giorni sulla facciata di Palazzo Senatorio

A partire dalle 15 di questo pomeriggio, 25 gennaio, il ritratto di Patrick Zaki campeggerà sulla facciata del Campidoglio. Un’iniziativa che arriva dopo la mozione dell’assemblea capitolina approvata all’unanimità il 3 settembre scorso a sostegno della liberazione del giovane ricercatore dell’Università di Bologna, arrestato al Cairo il 7 febbraio 2020 e da allora in carcere con l’accusa di diffondere false notizie e attentare alla sicurezza nazionale.

A dare impulso alla decisione del Campidoglio, l’associazione InOltre Alternativa Progressista, promotrice delle iniziative in favore di Zaki – sostenute da Roma Capitale -, tra cui la realizzazione del ritratto, la richiesta presso enti e istituzioni di affiggerlo sulle facciate delle rispettive sedi istituzionali e la condivisione di una lettera che ne chiede la scarcerazione, tradotta in 16 diverse lingue. Proprio le parole di questa lettera, ispirata al principio di solidarietà, compongono i lineamenti del ricercatore sul manifesto, realizzato dall’artista romana Francesca Grosso.

25 gennaio 2021